Vittorio Feltri, nuova polemica nord/sud: ‘lavorerò come parcheggiatore’

Il direttore di ‘Libero’ Vittorio Feltri ritorna sulla polemica in merito ai meridionali, che tanto ha fatto discutere cittadini e opinione pubblica

Vittorio Feltri, riaccende la polemica nord/sud: "Mi trasferirò a..."
Vittorio Feltri (fonte foto: GettyImages)

Si riaccende la polemica di questi giorni che tanto ha fatto discutere l’Italia intera, accesa dal direttore di ‘Libero’ Vittorio Feltri, che di recente ha offeso i meridionali, affermando che “in molti casi, siano inferiori”: quest’ultimo ritorna a parlare attraverso un editoriale e rilancia il tema.

In seguito alla presa di posizione dell’ordine dei giornalisti, con il presidente Carlo Verna che dopo aver annunciato l’avvio di un’azione legale, in un’intervista al ‘Corriere della Sera’, ha sottolineato che Feltri può scusarsi con i meridionali e cancellarsi dall’ordine, il direttore di ‘Libero’ è ritornato sul tema nel suo editoriale ‘Lombardia stracciona e Sud florido’.

Di seguito un estratto.

“Vorrei girare la frittata. – scrive – Mi sono sbagliato, a Napoli e dintorni, per citare un esempio, gronda ricchezza da tutte le parti. Non esiste lavoro nero, la miseria è solo un ricordo del passato remoto, oggi non c’è partenopeo che non viva da nababbo e non abbia un reddito di alto livello, la camorra è un fenomeno folcloristico enfatizzato dalla stampa, non vi è alcuno non in grado di mantenere la famiglia agevolmente, la città è ordinata e i cittadini disciplinati, le tasse vengono pagate con puntualità.”

Le parole espresse in precedenza da Feltri, ospite della trasmissione ‘Fuori dal coro’, condotta su Rete 4 da Mario Giordano, poi successivamente chiarite, avevano alzato un polverone e provocato la reazione di vip e personaggi noti, come ad esempio Gigi D’Alessio che si è detto orgoglioso di essere meridionale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> PAOLO BONOLIS E MARA VENIER IN DIFESA DEI MERIDIONALI DEMOLISCONO FELTRI

VITTORIO FELTRI RITORNA SULLA POLEMICA RELATIVA AI MERIDIONALI NEL SUO EDITORIALE SU ‘LIBERO’: “ASPIRO A TRASFERIRMI AL VOMERO”

Vittorio Feltri, riaccende la polemica nord/sud: "Mi trasferirò a..."
Vittorio Feltri (fonte foto: Instagram, @perizona_)

Farà discutere l’editoriale scritto dal Direttore di ‘Libero’ Vittorio Feltri, che già aveva infiammato il dibattito pubblico dopo le parole espresse a ‘Fuori dal coro’ sui meridionali, e che avevano provocato reazioni anche da parte dei vip, come Stefano De Martino.

Milano e Brescia – si legge ancora nell’editoriale – al confronto delle comunità vesuviane sono un casino, pullulano di poveracci che si arrabattano per recuperare una manciatella di euro, abitano in catapecchie, in due stanze alloggiano in dieci persone. Nel mio piccolo aspiro a trasferirmi al Vomero al fine di respirare un po’ di aria pura, concedermi una pizza ogni tanto per rinfrancarmi il corpo e lo spirito.”

Poi il Direttore prosegue: “Sono impaziente di migrare in Campania o a Potenza allo scopo di sollevarmi dalla fame orobica, aggravata dal virus. Confido di ottenere un posto nel ruolo di posteggiatore abusivo o contrabbandiere, meglio ancora: spero di essere assoldato, magari contando sulla raccomandazione di un’anima pia, da qualche cosca che mi dia la gioia di prendere in locazione un bilocale alle Vele che sono in vetta alle mie aspirazioni.”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> FRANCESCO FACCHINETTI, RITORNA A SORRIDERE: “MI MANCHI AMORE MIO”

Poi il passaggio su Gomorra e sull‘economia del Mezzogiorno: “Se poi mi fosse offerta l’occasione di recitare in un film tipo Gomorra, toccherei il cielo con un dito. Tutto questo dimostra la superiorità del Sud e la inferiorità (economica, civile e sociale) delle terre padane e alpine. Noi polentoni siamo degli straccioni, e io faccio ammenda per aver parlato di inferiorità dei meridionali. Perdonatemi, il sistema produttivo del nostro Mezzogiorno rappresenta un modello eccelso ed efficiente”.