DDL Zan, esponente PD nella bufera: la frase omofoba scatena i social

Polemica e bufera per un’esponente nel PD per un commento e una frase fuori luogo: i social si sono scatenati.

Parlamento
Parlamento (Facebook)

Il DDL Zan è sicuramente l’argomento di discussione principale degli ultimi mesi. Si è addirittura pensato a un possibile omaggio da inserire per Raffaella Carrà, scomparsa solo qualche giorno fa. Un qualcosa che fa capire come l’argomento è davvero di grandissimo interesse e attualità. Sicuramente, come è noto, si è scatenata una serie di prese di posizione e una vera e propria battaglia a sostegno del progetto di legge.

Un sostegno che, oltre nelle aule parlamentari, trova senza alcun dubbio linfa nel mondo dei social network, ormai diventati uno strumento e un mezzo anche per questioni di prim’ordine. Ed è proprio qui che si è scatenata una vera e propria bufera, che ha visto protagonista un esponente politico. Ma di chi si tratta e che cosa è successo? Giusto entrare nel dettaglio e nello specifico?

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> DDL Zan, ecco l’ultimo attacco

DDL Zan, social in fermento per una frase omofoba: è un’esponente del PD

Mentre questo DDL ha portato a ripercorrere e a ricordare tutte le tutele già ottenute, a finire nel mirino è stato il commento social di Rosamaria Sorge, colei che sembrerebbe essere la candidata del PD in quel di Civitavecchia. La donna si è lasciata andare a una frase omofoba nei confronti del deputato e membro del suo stesso partito Ivan Scalfarotto. Una frase e un’uscita infelice che non ha certo bisogno di ulteriori commenti e spiegazioni. L’esponente democratica è subito finita nel mirino di critiche, entrando tra l”altro in tendenza su Twitter.

La Sorge ha cercato di correggere il tiro, sottolineando come si sia trattata in realtà di una battuta ironica e riportata fuori contesto, ma ormai la bufera si era già scatenata. A criticarla, tra gli altri è stato l’onorevole Teresa Bellanova, che ha tra l’altro chiesto l’intervento del segretario del PD Enrico Letta, oltre a condannare l’accaduto e la frase.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> DDL Zan, ecco perché sta scatenando tante polemiche

E intanto a Scalfarotto è arrivata un’ondata di solidarietà, tra cui quella di Simone Pillon, esponente della Lega che si è sempre schierato contro il progetto di legge in questione, ma che ha comunque voluto mostrare la sua vicinanza al collega, sottolineando, come il rispetto non debba mai mancare.