Walter Ricciardi sul caso lockdown: “Pronto a farmi da parte”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:24

Il consigliere del ministro della Salute si è detto pronto a rassegnare le sue dimissioni se è questo che si vuole.

Walter Ricciardi
Walter Ricciardi (Facebook)

Le dichiarazioni di Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute, Roberto Speranza, in merito alla necessità di un nuovo lockdown per arginare i contagi soprattutto della tanto temuta variante inglese. Nel Governo Draghi, in molti non hanno gradito l’uscita dell’esperto, ritenendo più opportuno un confronto all’interno dell’esecutivo prima di creare allarmismi attraverso i giornali o le televisioni. Il comitato tecnico scientifico sembra però apprezzare le parole di Ricciardi.

La decisione di chiudere gli impianti sciistici, da parte del comitato tecnico scientifico si concilia con la posizione di Ricciardi. Comitato che ha inoltre avallato determinate posizioni chiedendo massima allerta contro la cosiddetta variante inglese. Il virus è mutato ancora una volta, ma questa variante non è ancora del tutto conosciuta e rischia di essere molto più pericolosa della precedente, per lo meno, in quanto a capacità di contagio.

LEGGI ANCHE >>> Ricciardi sui vaccini Dobbiamo preparare uno sbarco in Normandia

LEGGI ANCHE >>> Ricciardi duro: “Ancora chiusi, solo dopo potremo tornare alla normalità”

Walter Ricciardi sul caso lockdown: la posizione del consigliere del ministro

“Chiedono le mie dimissioni? Queste sono considerazioni che lascio alla politica. Se posso essere utile al Paese con i miei consigli, lo faccio a livello internazionale e lo faccio anche in Italia: altrimenti mi faccio da parte”. La posizione di Ricciardi risulta quindi abbastanza chiara, si dimette se necessario ma lui vuole essere utile al paese e quindi continuerà ad esprimere il proprio parere in merito a ciò che avviene nel paese.

Il clima si fa caldo insomma, si ritorna ai giorni dei proclami e delle notizie che di fatto tendono a terrorizzare l’opinione pubblica e far crescere il fronte del no alle misure drastiche, come ampiamente già successo nei mesi precedenti.