Coronavirus, la preoccupazione di Pregliasco: “Terza ondata possibile”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:00

Una terza ondata è ancora più che possibile secondo il virologo, che vorrebbe misure ancora più stringenti.

Pregliasco reazioni vaccino
Fabrizio Pregliasco effetti vaccino (Facebook)

Una terza ondata è ancora possibile secondo il virologo della Università Statale di Milano, Fabrizio Pregliasco. I dati al momento sono buoni, i ricoveri diminuiti, anche se in alcune regioni persistono situazioni di forte criticità, ma nonostante tutto, secondo Pregliasco, le possibilità di una terza ondata sarebbero più che concrete. Una situazione dalla quale non si sarebbe ancora usciti insomma, che nasconde ancora moltissimi rischi.

Al momento, spiega il virologo, i risultati ottenuti sono più che buoni, contestualmente al tipo di lockdown imposto. Insomma i risultati ottenuti sarebbero il massimo ottenibile in proporzione alle misure precauzionali adottate. Quindi, spiega Pregliasco, un lockdown più stringente assicurerebbe di certo una maggiore qualità dei risultati. Evidentemente è una ipotesi che il Governo terrà in considerazione per le prossime settimane, cosi come affermato dallo stesso Giuseppe Conte.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, Pregliasco sulle reazioni allergiche post vaccino: Tutto normale

LEGGI ANCHE >>> L’Italia ha il vaccino ma le polemiche corrono più del virus: i numeri del 28 dicembre

Coronavirus, la preoccupazione di Pregliasco: “le operazioni per il vaccino siano rapide”

“Davvero una terza ondata è possibile – spiega Pregliasco– Sul fronte ricoveri osserviamo una battuta d’arresto del miglioramento che stavamo vedendo nei giorni scorsi. Lo vedo anche io nel mio ospedale, il numero rimane abbastanza stabile, il saldo entrate/uscite non si muove più di tanto, fa sì che si rimanga sugli stessi livelli, fermi. E bisogna stare davvero attenti a questi segnali. Per questo credo che sia importante attuare il più velocemente possibile la campagna vaccinale. Non si può andare avanti a lungo con i lockdown“.

Preoccupazioni forti insomma, circa un tema che ricorre negli ultimi giorni, la paura della terza ondata, quando la seconda, è ancora, secondo molti nel suo pieno.