“L’ho vissuto sulla mia pelle”, Michelle Hunziker: così è nata Doppia Difesa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:50

Michelle Hunziker spiega come è nata la sua onlus, Doppia Difesa. La stessa conduttrice era vittima di violenze.

"L'ho vissuto sulla mia pelle", Michelle Hunziker: così è nata Doppia Difesa
Michelle Hunziker (Instagram screenshot)

La bellissima Michelle Hunziker, ha fondato ben tre associazioni diverse, tra cui, ormai 13 anni fa, Doppia Difesa. In una recente intervista, Michelle ha spiegato come le venne l’idea.

Infatti, la stessa conduttrice di Sorengo ha spiegato che prima lei è stata vittima di violenza. Non solo stalking, ma spiega di aver subito vere e proprie violenze fisiche.

Leggi anche >>> Michelle Hunziker emoziona, parole toccanti: “ovunque tu sia”

Michelle Hunziker: “Mai parlato a fondo di quello che ho subito”

La bella showgirl svizzera, ieri ha finalmente riabbracciato la figlia, Aurora, che aveva contratto il Coronavirus. Prima però, aveva rilasciato un’intervista al settimanale, Oggi, svelando alcuni dettagli del suo passato che noi non conoscevamo. Così, sulla fondazione del 2007, di Doppia Difesa: “Il percorso di Doppia Difesa – racconta l’ex modella – l’ho veramente fatto perché ho vissuto determinate cose. E l’ho fatto anche perché poi mi è andata bene, la vita mi ha dato tante possibilità, e in qualche modo dovevo ringraziare, dare qualcosa in cambio”.

La Hunziker, che con la sua fondazione aiuta più di duemila donne, ha confessato una cosa che nessuno, se non le persone a lei care, sapeva: “A parte lo stalking, io non ho mai parlato a fondo di quello che ho subito. Però posso dire che conosco ogni dettaglio, ogni singolo dettaglio, – Continua la showgirl – e le donne lo sentono, che io… La credibilità, quando fai qualcosa, ce l’hai perché le persone ti ‘leggono’, si rendono conto che tu le comprendi davvero, e io so esattamente che cosa capita nella psicologia di una donna che vive una violenza, per questo per me era fondamentale parlarne, e aiutare le donne a uscire da questo circolo vizioso”.

Non parla di Trussardi, né tantomeno di Ramazzotti, la bella Michelle, che spiega di aver subito le violenze molto tempo fa, prima ancora di entrare nel mondo dello spettacolo e che i due mariti sono assolutamente esclusi. Infine, il suo coraggio: “Ne sono uscita da sola –  conclude la conduttrice svizzera – ma un amico, un’amica che ti apra gli occhi e ti dica “guarda che questo non è amore”, sicuramente aiuta. È vero che spesso non lo condividi con nessuno… Chi subisce delle violenze è omertoso, si vergogna, non lo dice. Quindi anche per gli altri è molto difficile rendersi conto. È un circolo vizioso che per primo tu, devi decidere di spezzare. Poi devi avere il coraggio di cercare aiuto. Ed essere attento, perché è pericoloso. Ci sono donne che subiscono per 20 o 30 anni delle violenze. Abituano i propri uomini che questa è la normalità. Poi un giorno si stufano. E quelli vanno fuori di testa. Per questo, noi di Doppia Difesa mettiamo a disposizione degli avvocati, una donna deve sapere prima quali sono i passi da fare, qual è la strada più sicura”.

Leggi anche >>> “Mi viene da piangere” Michelle Hunziker in lacrime, l’emozione incontenibile