La seconda vita di Giancarlo Magalli, così ha portato a casa un sogno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:12

Giancarlo Magalli non è solo una delle colonne portanti della televisione italiana, c’è un aspetto della sua vita che non tutti conoscono e che apre nuovi scenari sulla sua persona.

Giancarlo Magalli
foto facebook

Quando si è bambini e la fantasia volta tra castelli incantati e magnifiche avventure, è facile sognare in grande ma chi può dire una volta cresciuto di aver realizzato il desiderio dell’infanzia? Giancarlo Magalli è uno dei pochi fortunati che può farlo.

Come svelato in una vecchia intervista da Francesca FaldiniDa noi a ruota libera sognava di diventare un conduttore, tuttavia questo non è l’unico desiderio che aveva da bambino e che ha avuto la fortuna di realizzare.

LEGGI ANCHE>>>Marcello Cirillo taglia corto su Giancarlo Magalli: “Non rispondo”

Giancarlo Magalli, il suo sogno di bambino

Gaincarlo Magalli
Fonte foto: Facebook

Questa sera Giancarlo Magalli sarà ospite del Maurizio Costanzo Show, il programma al centro di una grande polemica nelle ultime settimane. Magalli non ha certamente bisogno di presentazioni, tuttavia non tutti conoscono la ‘seconda vita’ del conduttore.

Ma cosa fa Magalli quando si spengono i riflettori? La risposta è semplice, realizza il suo secondo sogno di bambino. Come rivelato infatti a Da noi a ruota libera non c’era solo la tv nei suoi sogni: “ragionavo e mi chiedevo che cosa mi piacerebbe fare da grande: il vigile urbano e il presentatore.”

Il vigile urbano, tra i due, gli sembrava il più irrealizzabile, tuttavia nella vita mai dire mai e così Magalli è riuscito a realizzare anche questo sogno: da diversi anni è infatti vigile onorario.

Come svelato da Francesca Fialdini: “come vigile onorario vado a fare i posti di blocco ogni tanto, faccio rilievi, interventi di infortunistica e in questi giorni posti di blocco per verificare se sono in regola per circolare.”

Neanche il Covid-19 lo ha fermato, è infatti sceso in strada a controllare autocertificazioni e a fare posti di blocco. “Un vigile urbano non può proprio chiamarsi fuori” ha spiegato Magalli che lo scorso giugno ha ricevuto il grado onorifico di Tenente Colonello.

LEGGI ANCHE>>> Maurizio Costanzo, al vetriolo su Patrizia De Blanck: “Frase irripetibile”