Coronavrus, un’altra regione italiana pronta a nuove misure d’emergenza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:55

Stefano Bonaccini ha parlato in tv dichiarandosi favorevole a piccoli interventi mirati, purchè non si creino danni irrimediabili all’economia della regione.

Lockdown
Lockdown (Facebook)

La situazione è critica e bisogna agire di conseguenza. Senza strafare, con interventi mirati che riescano a salvaguardare quello che più ci sta a cuore, il lavoro dei nostri concittadini e l’economia della nostra regione. Il punto di vista di Stefano Bonaccini, governatore della regione Emilia Romagna è impeccabile. Seguire una linea precisa, fatta di piccoli interventi circoscritti, evitando di farsi davvero troppo del male.

Intervenendo in diretta alla trasmissione tv “L’aria che tira”, Bonaccini si è detto disponibile a prendere in considerazione l’idea di piccoli lockdown, mirati, circoscritti, che provino a risolvere la situazione di una particolare area. Evitando quindi interventi forti e generalizzati, che ad oggi, dopo il primo lockdown, rischierebbero di compromettere irrimediabilmente la nostra economia.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, numeri allarmanti: la prima regione che chiude le scuole

Coronavirus, un’altra regione italiana considera interventi mirati: le reazioni

Il momento è critico, i numeri crescono, si fanno importanti, e cosi il governatore di una città tanto vasta quanto strategicamente rilevante per l’economia locale ma anche del nostro paese, ragiona nel modo più opportuno possibile. Fermarsi si, in maniera parziale forse, ma non tornare alla modalità di inizio marzo, altrimenti qui salta tutto. Il timore è concreto, realista ed assolutamente opportuno.

In troppi invocano lockdown in ogni dove, senza probabilmente tener conto di quelli che potrebbero essere gli effetti di tale decisione. Con la prima ondata, l’economia delle piccole e medie imprese è stata in moltissimi casi fortemente compromessa. Se ci fosse una seconda volta, si rischierebbe seriamente, l’irreversibile collasso. Stavolta bisogna agire con intelligenza, provando a salvaguardare ciò che è giusto preservare. Senza lasciarsi prendere dalla foga di chiudere tutto e quindi chiudere male.

LEGGI ANCHE >>> Il Governatore Bonaccini sicuro: Nessuno scontro tra regioni e Governo