Ascoli, operaio morto nel crollo di un solaio: collega gravissimo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:05

I due uomini al lavoro per la costruzione di un palazzo sono stati travolti dal crollo del solaio. Ennesimo dramma sul lavoro a San Benedetto del Tronto.

Operaio morto
Operaio morto (Getty Images)

Un’altra tragedia sul lavoro arriva da San Benedetto del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno. Un operaio è morto sul posto di lavoro presso un palazzo in costruzione. La squadra era stata colpita dal crollo improvviso di una parte del solaio del palazzo. Per l’uomo non c’è stato niente da fare, un suo collega invece è rimasto ferito, subito trasportato in ospedale dai soccorsi intervenuti sul posto.

I vigili del fuoco hanno estratto il corpo dell’operaio dalle macerie, insieme al suo collega, il quale al momento versa in gravi condizioni in ospedale . I vigili hanno subito provveduto alla messa in sicurezza dell’edificio, cosi da permettere anche eventuali indagini in merito al cedimento dello stabile che per l’appunto era in costruzione. Una vicenda che ha scosso gli abitanti della zona.

LEGGI ANCHE >>> Tragedia a Varese per il crollo di un tetto piangeva e chiamava mamma

Morte operaio nel crollo di un solaio ad Ascoli: le reazioni

Risulterebbe comunque in gravissime condizioni il collega dell’operaio morto nel crollo. Trasportato in ospedale con l’elisoccorso, l’uomo lotta tra la vita e la morte. Una vicenda che come anticipato ha sconvolto gli abitanti della zona, colpiti dal forte rumore del crollo, talmente violento che in un primo momento si era pensato alla morte di entrambi gli operai, poi la buona notizia per uno dei due, che però al momento è in ospedale in condizioni gravissime.

Morti sul lavoro che sempre più frequentemente vengono raccontate da tv e giornali, situazioni che spesso non ci si capacità per come arrivino, improvvise, forse, almeno in molti casi evitabili, ed una vita se ne va in un attimo, intenta a fare soltanto il suo lavoro.

LEGGI ANCHE >>> Val d’Aosta, operaio cade nella vasca di una centrale idroelettrica: inutili i soccorsi