Ragazza di 16 anni uccisa dal padre e dal fratello per l’onore perduto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:45

L’episodio di assurda violenza avviene in India, dove lo stesso padre della ragazza ne ha confessato l’omicidio, perchè troppa era la vergogna per la sua famiglia.

Ragazza stuprata
Ragazza stuprata (Facebook)

La terribile notizia arriva dall’India, dove una ragazzina di appena 16 anni è stata prima violentata da un parente, che in assenza dei genitori della piccola si era presentato in casa abusando sessualmente di lei, e poi per la vergogna causata alla sua famiglia, è stata ammazzata dallo stesso padre e dal fratello. La triste storia, arriva da un paese in cui sempre più spesso ci si trova davanti a storie come questa, di terribile violenza, addirittura all’interno della stessa famiglia.

Dopo la violenza, la ragazza aveva scoperto di essere incinta, qualcosa di inconcepibile per la cultura del luogo. Dopo qualche giorno, la scomparsa dal villaggio, della ragazza nessuna notizia, fino a quando il suo cadavere non è stato ritrovato, in un bosco. Il padre della ragazza, ha confessato spontaneamente l’assassinio, spiegandone ogni minimo particolare.

LEGGI ANCHE>>>>>>Stupro a Matera, nel branco anche due rapper , Putt slacciami la cintura

Ragazza violentata ed uccisa perchè incinta: La dinamica

Il padre della ragazza, ha confessato l’assurdo delitto. Insieme al figlio, ha picchiato la ragazza, poi insieme l’anno strangolata ed abbandonata nei boschi, pensando di aver accuratamente nascosto il cadavere. Non riusciva a sopportare la vergogna per quella gravidanza indesiderata l’uomo. La pancia era troppo evidente, doveva sbarazzarsi di quella macchia che non faceva bene al buon nome della sua famiglia.

L’assurdità di questa confessione, è assolutamente in linea con quanto ancora avviene in certi paese. La violenza sembra essere l’unica modalità d’azione per risolvere ogni cosa. La ragazza, dopo aver subito l’atroce violenza sessuale, ha perso la vita, cosi, come se niente giustificasse il dolore che lei stessa provava, o anche la vergogna che di certo quel determinato contesto le faceva provare.

LEGGI ANCHE>>>>>>Erica Wall Vite al limite, il dramma della violenza sessuale le ha cambiato la vita