Alex Zanardi: il medico: “si aspettano sorprese e miracoli”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:27

Il dottor Costa fa il punto della situazione sulle condizioni di Alex Zanardi. Le sue parole lanciano un messaggio di speranza.

alex zanardi foto getty

Solo ieri vi abbiamo dato conto delle tristi notizie che riguardano Michael Schumacher: secondo il neurologo l’ex pilota della Ferrari resterà in stato vegetativo non ci sono più speranze che possa tornare quello di prima. E il pensiero era andato subito anche ad Alex Zanardi che sta vivendo più o meno lo stesso calvario del suo ex collega.

Tre mesi fa il terribile incidente che ha coinvolto in modo tragico Il campione di hanbike: in provincia di Siena, ha perso il controllo del suo mezzo ed è finito contro un’autotreno; un impatto violentissimo che lo ha colpito alla testa. Da quel momento, Alex Zanardi ha iniziato la sua ennesima battaglia per la vita.

C’è sempre molto riserbo sulle condizioni del pilota, ma ieri ha parlato il dottor Costa, medico sportivo e amico di Alex.

Alex Zanardi: il medico: “ha un fisico da fantascienza”

alex zanardi, foto getty

Come sta Alex Zanardi oggi. Nessuna illusione ma nemmeno panico, il dottor Costa dice la sua dopo aver visitato il pilota in ospedale incontrando, tra gli altri, la moglie Daniela e il figlio Niccolò che non smettono un attimo di restare vicini ad Alex. In un’intervista a La Stampa, il medico dice che “le condizioni di Zanardi sono in miglioramento”.

“Ha iniziato la fisioterapia neurologica – ha spiegato il dottore – che in medicina è quella fase in cui si aspettano le sorprese e i miracoliHo visto miglioramenti – continua Costadà risposte agli stimoli, stringe le dita, gli stanno rieducando la testa […] Ha un fisico da fantascienza e una mente straordinaria, lo so che questa volta si parla del cervello, ma sono sicuro che lui saprà inventarsi qualcosa con quello che è rimasto”.

LEGGI ANCHE -> Alex Zanardi, Pancalli: la moglie mi ha confessato come sta il mio campione

LEGGI ANCHE -> Alex Zanardi, l’emozionante messaggio prima dell’incidente: “Caro Papa”