Maurizio Crozza e quei 5 milioni di compenso: la bufera Rai

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:00

Personaggio amato e protagonista con Fratelli di Crozza, il noto Maurizio Crozza torna su Canale Nove pronto a far sorridere gli italiani: ricordare la bufera dei 5 milioni?

Maurizio Crozza e quei 5 milioni di compenso: la bufera Rai
Maurizio Crozza (fonte foto: GettyImages)

È tutto pronto per il gran ritorno dell’attesissimo ‘Fratelli di Crozza’, il programma dall’enorme successo di pubblico che fa sorridere gli italiani e che sa tirar fuori l’incredibile talento di Maurizio Crozza, noto ed amato comico, imitatore e conduttore televisivo italiano.

Proprio di recente, per il lancio del programma, ha fatto impazzire la nuova imitazione di quest’ultimo che, stavolta, prende di mira un personaggio politico molto importante, salito ulteriormente alla ribalta a causa del Coronavirus: Lucia Azzolina.

Maurizio ‘diventa’, per così dire, la Ministra dell’istruzione alle prese con il complesso ritorno a scuola al tempo della pandemia.

Una carriera costellata di successi, per il comico ed imitatore genovese, che ha calcato diversi palchi ed è stato parte di diverse emettenti televisive, ottenendo sempre e comunque un gran successo e tanti attestati di stima.

Maurizio Crozza e la bufera dei 5 milioni di euro di compenso legato alla Rai

Maurizio Crozza e quei 5 milioni di compenso: la bufera Rai
Maurizio Crozza imita la Pivetti (Fonte foto: Instagram, @fratellidicrozza)

Talento eccezionale e risate assicurate con il ritorno di ‘Fratelli di Crozza’ su Canale NOVE, con tanta satira e divertimento nello one man show del bravissimo conduttore televisivo, comico ed imitatore genovese Maurizio Crozza.

Forse non tutti ricorderanno che nel 2013, dopo le polemiche scatenate dall’intervento di Maurizio sul palco dell’Ariston a Sanremo, quest’ultimo ebbe una offerta molto importante ed allettante dalla Rai che voleva portarlo sulla rete nazionale.

Stando a quanto riportato da YouMovies e da altre fonti di informazioni, sembra che tale proposta riguardasse un contratto triennale per un programma in prima serata. Ciascuna edizione sarebbe stata composta da 22 puntate.

Tuttavia, l’offerta non portò ad un accordo tra le parti poiché le trattative sfumarono, pare, in virtù dell’alta richiesta di compenso dello stesso Crozza.

Stando a quanto si apprende, infatti, Maurizio in quell’occasione avrebbe chiesto circa 5 milioni di euro, una cifra che fece naufragare la proposta.

Ad intervenire sulla questione fu l’allora presidente dell’Associazione di Telespettatori cattolici Aiart, Luca Borgomeo, che spiegò: “Apprezziamo Crozza, ma chiediamo che anche per lui, come per tanti altri, sia necessario calmierare i compensi”.

LEGGI ANCHE –> Maurizio Crozza attacca Fedez: “Stare tra i soldi è nella loro cultura”

LEGGI ANCHE –> Il nuovo video di Crozza è boom, lo sfottò alla Ferrari diventa virale