Diesel, aumento delle accise alle porte: ecco cosa cambia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:00

L’obiettivo è allineare i prezzi delle accise diesel a quelli della benzina attraverso un aumento delle prime. Escluso dai rincari il gasolio commerciale 

Diesel
Fonte Pixabay

Il tanto amato ed economico diesel sta per diventare un po’ più costoso. Il governo infatti sta seriamente ponderando l’ipotesi di rincarare il prezzo delle accise del gasolio. Al momento si attestano a 0,617 euro/libro. L’obiettivo è quello di parificarle alle accise previste per la benzina che sono di 0,7248 euro.

Il ministero dell’Ambiente ha deciso di intervenire per quanto concerne i sussidi ambientali dannosi e a tal proposito è stato ideato un piano per livellare il trattamento fiscale tra benzina e gasolio. Andiamo a vedere nello specifico di cosa si tratta e come funziona.

Diesel: le date dell’aumento delle accise

Diesel
Fonte Pixabay

Tra le proposte al vaglio c’è quella dell’aumento progressivo dell’aliquota di accisa del diesel con inizio dal primo gennaio 2021 e termine al 1 gennaio 2030. Dunque un aumento scaglionato in un periodo piuttosto lungo come nove anni, dopodiché l‘accisa sul gasolio dovrà essere uguale a quella della benzina.

Così facendo sarà definitivamente abolito il regime attuale che prevede una differenza di tassazione sui due principali carburanti utilizzati in Italia. Una situazione diventata insostenibile e che non è più giustificabile.

A tutto ciò però potrebbe esserci un’eccezione, ovvero quella sul gasolio commerciale, utilizzato dalle aziende di trasporto merci e trasporto di passeggeri. In questo caso ci sarà una specifica aliquota di accisa, che per forza di cose sarà più bassa e conveniente.

Ovviamente il tutto rimane nel campo delle ipotesi, ma la tendenza è quella di “scoraggiare” le persone all’acquisto di automobili con elevato impatto ambientale. Per questo nei mesi scorsi è stato varato l’ecobonus auto proprio per incentivare e portare sempre di più le persone a preferire i veicoli ibridi o totalmente elettrici.

La strada è ancora molto lunga, ma la sensazione è che il percorso intrapreso sia quello giusto. Innovare e offrire delle alternative non dispendiose a livello economico mai quanto in questa fase storica fa decisamente presa.

LEGGI ANCHE >>> Bonus arredi e calzature, le novità del Decreto Agosto

LEGGI ANCHE >>> Bonus computer 500 euro, tablet, internet: in arrivo fondi UE