Alex Zanardi, il commovente messaggio della cugina: “Non mollare…”

In un’intervista al Resto del Carlino, la cugina di Alex Zanardi, Elisabetta Parmeggiani, parla dell’uomo che è cresciuto con lei e della sua famiglia.

Mio caro Alle (sai per noi sei Alessandro), i tuoi occhioni vispi devono ancora sorridere. Non mollare… con il cuore, tua cugina Betty”.

Uno dei tantissimi messaggi per Alex Zanardi che in un letto di ospedale sta combattendo per la vita dopo il terribile incidente di venerdì scorso. La dedica è della cugina ‘Betty’, Elisabetta Parmeggiani, modenese, avvocato.

La donna racconta al locale Resto del Crlino, il legame che la lega alla famiglia di Alex: “Le nostre mamme sono cugine. In realtà sono molto più che cugine, sono ‘sorelle’, perché fin da giovani hanno condiviso ogni esperienza e ancora oggi sono legatissime.

“Hanno avuto i figli negli stessi anni, tra il 1964 e il 1967: la ‘zia’ Anna come se fosse la sorella di mamma ha avuto Cristina e Alessandro, la mia mamma me e mio fratello Roberto”.

Betty poi parla del cugino Alex: “un mattacchione, con quegli occhi vispi e vivi, la ‘erre’ tipica di tutta la famiglia Mezzetti. Un uomo coraggioso, determinato, un grande motivatore, attaccato spietatamente alla vita.

Dopo il primo incidente anziché rammaricarsi su quello che era venuto meno, gioiva di quello che gli era rimasto. Con il suo esempio di vita ha dato forza a persone in difficoltà. Insomma non demorde mai”.

“Siamo cresciuti insieme, come cugini, amici e coetanei – continua Elisabetta – Da Bologna loro si erano spostati a Castelmaggiore e noi a Carpi, ma abbiamo coltivato sempre il nostro rapporto familiare.

Ricordo che Alessandro mi scriveva lettere, che custodisco tuttora, per condividere alcuni momenti delicati della sua vita da adolescente”.

Alex Zanardi, il ricordo della cugina pochi giorni prima dell’incidente

Alex Zanardi, il commovente messaggio di Nicolò: "Forza papà"
Alex Zanardi, Fonte foto: GettyImages

Elisabetta ricorda gli ultimi momenti vissuti con Alex prima dell’incidente: “Gli ho scritto il giorno prima dell’incidente, dopo che aveva fatto un video a Daniela, la moglie, donna di grande spirito e spessore, mentre faceva una salita in bicicletta.

E poi appena venti giorni prima: lo avevo visto una trasmissione. Mi ha chiesto se stava bene anche con i capelli lunghi!”.

La vita che spesso li ha divisi: “le scelte di vita hanno portato ognuno su strade diverse. Alle ha coltivato fin da ragazzino la passione per i motori che condivideva con lo zio Dino, anche lui venuto a mancare troppo presto.

A 14 anni suo padre gli ha regalato il suo primo Kart e non ha mai smesso di praticare regolarmente la sua passione. Il resto purtroppo lo si conosce.

Elisabetta Parmeggiani conclude l’intervista con parole commoventi verso la mamma di Alex: “Alle è sempre stato circondato da persone belle e positive. Come la zia Anna che si trova insieme alla nuora Daniela e al nipote Niccolò nel senese, per supportarli.

Ci sentiamo tutte le sere: lei ci aggiorna costantemente sulla situazione, spesso rincuorandoci. E’ una donna molto dolce, buona, generosa, che pur avendo sofferto tanto non ha mai perso la speranza e la sua Fede in Dio. E questa penso sia stata sempre una grande forza per Alessandro. Quindi…non ci rimane che aspettarlo più vivace che mai!”.

LEGGI ANCHE -> Alex Zanardi, presidente Sin: Ha un cervello capace di miracoli

LEGGI ANCHE -> Tragedia a Varese per il crollo di un tetto: chiamava mamma