Bellanova contro Salvini: “pensi ai suoi figli, non alle mie emozioni”

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

La ministra Bellanova risponde alle dichiarazioni ‘irriverenti’ di Salvini riguardo il pianto liberatorio dopo la vittoria sulla lotta per i migranti.

Salvini, Bellanova

Al ministro Bellanova proprio non è andata giù che il suo pianto liberatorio dopo l’approvazione della ‘sua’ legge a favore dei migranti e contro il caporalato, sia stato così deriso e strumentalizzato, soprattutto dal centrodestra.

Potrebbe interessarti “Salvini ha ragione ma dobbiamo attaccarlo lo stesso” Le chat dei magistrati

E ieri sera, ospite del talk Diritto e Rovescio, si è tolta un macigno dalle scarpe, altro che sassolino. “Sulle mie emozioni, se Salvini non è in grado di cogliere che cosa rappresenta un’emozione non è un problema mio è un problema suo. Prima di discutere delle mie emozioni deve ricordarsi che indossava le felpe delle varie Forze dell’Ordine, ci ha fatto conoscere tutti i suoi gusti alimentari, e spesso ha esibito anche i suoi figli”.

Scontro anche tra Meloni e Boschi

Le ormai famose lacrime di Bellanova hanno scatenato ieri alla Camera uno scontro anche da primedonne come Giorgia Meloni e Maria Elena Boschi. Tutto nasce dalle dichiarazioni della numero uno di Fratelli d’Italia.
«L’unico settore che rilanciate grandemente è quello degli scafisti, della tratta del terzo millennio, che grazie a voi da domani ricomincerà a fare più soldi di ieri. Ed è l’unico, e questo effettivamente fa venire da piangere anche a me».
La replica della Boschi è un atto di solidarietà nei confronti prima di una donna, poi di una collega di partito. «Che lei – riferito alla Meloni – da donna a donna, attaccasse la ministra Bellanova per le lacrime non me lo sarei aspettata. Quando avrà fatto le tre di notte per salvare posti di lavoro seguendo 79 crisi occupazionali, come la Bellanova, potrà parlare, non prima».

 

«Io rispetto le sue idee anche se non le condivido – ha proseguito – ma lei deve rispettare la storia personale e politica della Bellanova, che da bracciante, sindacalista e politica merita rispetto e non di essere derisa per le lacrime».

Montaruli difende la Meloni e attacca il governo

Augusta Montaruli

Augusta Montaruli usa le stesse parole della Boschi: “Da donna a donna ricordo alla collega Maria Elena Boschi che Giorgia Meloni e’ stata tra le prime e tra i pochi ad esprimere solidarieta’ al ministro dell’Agricoltura quando in molti, anche da sinistra, la insultavano per il suo abbigliamento.

Il presidente di Fratelli d’Italia non ha criticato le lacrime del ministro Bellanova ma l’oggetto della sua commozione. Piuttosto che lanciare accuse infondate, quindi, il capogruppo di Italia Viva ci sveli cosa le ha detto di cosi’ strabiliante il presidente del Consiglio Conte per far cambiare in due ore il parere a lei e a Renzi sull’inadeguato ministro della Giustizia Bonafede”.