Antonio Albanese, quanto costa una cena nel suo ristorante?

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Quanto costa una cena nel ristorante di Antonio Albanese? L’attore e regista ha un noto locale di Milano, uno dei più in voga negli ultimi anni: ecco tutti i prezzi.

Molti sono i vip che prima, durante o dopo la loro carriera decidono di investire nella ristorazione. C’è chi si occupa della gestione, chi è solo socio dell’attività oppure chi si mette alla prova dietro i fornelli.

antonio albanese ristorante
foto Ansa

Non è questo il caso di Antonio Albanese, celebre comico e attore molto versatile che ha deciso di diventare socio di un famoso ristorante di Milano, ovvero il Ratanà. Tra gli artisti che hanno deciso di aprire un ristorante troviamo anche Sophia Loren e Patrizio Rispo di Un Posto al sole.

La cucina è sicuramente uno degli interessi dell’attore che, tra i suoi molti personaggi comici, conta anche lo chef Alain Tonnè. Questo è uno chef raffinato che cucina piatti al limite del possibile, che descrive nel libro “Lenticchie alla julienne”. Scopriamo qualcosa di più, però, sul ristorante di Albanese e su quanto costi mangiare lì.

Quanto costa una cena nel ristorante di Antonio Albanese?

Il locale in questione si chiama Ratanà, è aperto tutti i giorni a pranzo e a cena e si trova a Milano nella bellissima zona di Via de Castillia. Lo chef di punta è Cesare Battisti e il ristorante si definisce un'”Osteria moderna” che promuove una cultira gastronomica sostenibile. Per lo chef e la sua brigata il rispetto della materia prima è fondamentale.

A dare la fiducia al talentuoso Battisti c’è anche Antonio Albanese anche se, pare, che l’attore si faccia vedere poco seduto ai tavoli del Racanà. D’altronde è sempre stato un personaggio molto attento alla sua vita privata.

Quanto costa una cena nel ristorante? Come indicato dal sito si può scegliere tra un menù alla carta oppure la proposta “schiscetà”. Questa è disponibile solo per pranzo e propone un piatto unico con un calice di vino, acqua e caffè a soli 24 euro.

Il menù alla carta comprende piatti gustosi e non troppo elaborati, tratti dalla cucina tradizionale lombarda rivisitata. Gli antipasti si attestano tutti su una media di 20 euro: uno dei più ricercati è il lavarello del Garda affumicato con barbabietola marinata in carpaccio, maionese al rafano e cracker di lino.

Tra i primi troviamo varie proposte: anche queste riportano un prezzo che va dai 18 ai 24 euro. Tra i più costosi troviamo, ad esempio, i maltagliati freshi con ragù di rigaglie di pollo ficatum e pane croccante di burro e salvia. Per i secondi il Ratanà offre una proposta di pesce, una vegetariana a base di zucca e tre di carne. In questo caso il costo va da un minimo di 22 euro, per il piatto vegetariano, ad un massimo di 30 per la fassona.

I dolci sono cinque e tra questi troviamo un evergreen: il mascarpone. Questi costano tutti 14 euro. Possiamo quindi ipotizzare che una cena nel locale di Milano di Albanese si attesti intorno ai 70 euro a testa se si ordinano tutte le portate (calcolando anche eventuali bevande).