Covid, le nuove regole per i mezzi pubblici: tra poco cambierà tutto

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Covid, nuove regole per i mezzi pubblici a partire dal 30 settembre. Le restrizioni contro la pandemia cadono quasi tutte, a parte pochi casi specifici: ecco quali.

Dopo più di due anni di pandemia da Covid ci troviamo ancora a dover fronteggiare contagi e precauzioni per non favorire la diffusione del virus. Mentre si parla di nuove varianti in arrivo quest’inverno, però, le regole cambiano per la maggior parte dei luoghi.

covid nuove regole
foto Adobe stock

L’obbligo di mascherine è ormai decaduto da quasi tutti i luoghi pubblici, tranne poche eccezioni. Tra queste ci sono i mezzi pubblici, ovvero bus, metro e treni dove è ancora obbligatorio indossare una mascherina di tipo Ffp2, altrimenti si può incappare in una multa molto salata.

A partire dal 30 settembre, però, le regole di prevenzione del Covid cambieranno in tutto il Paese. L’obbligo di mascherine rimarrà solo in alcuni casi specifici, così come quello di presentare il Green Pass.

Covid, le nuove regole per i mezzi pubblici: via le mascherine

Il primo cambiamento arriva a partire dal 30 settembre, quando non sarà più necessario indossare mascherine di alcun tipo su bus treni e metro. Lo stesso varrà anche per gli ospedali, ambulatori medici e Rsa.

Un’altra data importante è il 31 ottobre, quando cambieranno ancora una volta le regole. A partire da questa data, infatti, non saranno più attivati anche i protocolli di sicurezza sul lavoro come, ad esempio, la misurazione della temperatura corporea. Anche l’uso delle mascherine al chiuso, quando non si può mantenere il distanziamento di sicurezza, non sarà più obbligatorio.

Le uniche restrizioni che, per il momento, sembrano confermate sono quelle relative al Green Pass. Questo rimarrà obbligatorio per coloro che lavorano in tutte le strutture sanitarie ma anche per i ricoverati e i visitatori delle strutture come ospedali e Rsa.

Per quanto riguarda la scuola la situazione pare rimarrà invariata, con l’eliminazione di quasi tutte le restrizioni. A far preoccupare sono alcune notizie allarmanti in merito a nuove varianti che sarebbero in via di sviluppo e che presto potrebbero iniziarsi a diffondere. La maggior parte degli esperti, però, tende ad essere ottimista sul futuro della pandemia e il suo andamento questo inverno. Intanto sono disponibili i nuovi vaccini contro le ultime varianti: ecco come prenotarli.