Doc, che fine ha fatto Pierdante Piccioni? La storia vera

La fiction Doc – Nelle tue mani di Rai Uno è ispirata ad una storia vera, quella del medico Pierdante Piccione. Ecco che fine ha fatto e chi è. 

Doc nelle tue mani, Pierdante Piccioni e Luca Argentero

La settimana scorsa è iniziata la seconda stagione di Doc – Nelle tue mani, la fortunata fiction di Rai Uno con protagonista Luca Argentero che interpreta Andrea Fanti, medico brillante ed ex primario del Policlinico Ambrosiano a Milano che ha perso la memoria in seguito ad un colpo in testa sparato dal padre di un bambino morto.

La storia raccontata all’interno della serie televisiva prende spunto da un fatto realmente accaduto a Pierdante Piccioni. Gli eventi che hanno colpito il medico cremonese sono state fonte d’ispirazione per gli sceneggiatori della fiction che l’hanno portati sul piccolo schermo.

La storia vera di Doc – Nelle tue mani

La trama dello spettacolo è proprio ispirata al “Dottor Amnesia”, che è anche accademico e scrittore della sua autobiografia Meno dodici. Piccioni era un medico stimato e conosciuti dell’Ospedale Maggiore di Lodi, quando a causa di un incidente stradale nel 2013 finisce in coma.

Quando si risveglia si accorge di aver perso la memoria e non ricordare gli ultimi 12 anni della sua vita. Si è ritrovato un mondo completamente nuovo: la moglie invecchiata di dodici anni ed i figli ormai adulti e non bambini.

Doc 2, la scenetta dietro le quinte è tutta da ridere: il video

Che fine ha fatto Pierdante Piccioni? Il medico che ha ispirato la serie tv

In merito a Piccioni sappiamo che non ha mai riacquistato la memoria. La sua mente ha un “buco” di dodici anni che non è mai stato ricostruito. “Ho dovuto ricominciare tutto da capo”, si legge nel portale TrueNews. Ma l’aiuto della famiglia e degli amici lo ha aiutato a “riprendersi” la sua vita.

La passione per la medicina non l’ha mai persa. Nonostante la memoria persa, è tornato a lavorare in ospedale ed è stato uno di quei medici fondamentali nella lotta al Covid. È stato in prima linea durante la pandemia ed il primo lockdown. Su di lui sappiamo che oggi continua a fare il medico ed è il direttore dell’Unità operativa del Pronto Soccorso di Lodi.

Doc 2, Matilde Gioli lascia la serie? Ecco perché potrebbe dire addio

“Il mio lavoro adesso consiste nel liberare i reparti pieni di pazienti risultati positivi al Covid-19 ma che stanno un po’ meglio. – ha raccontato in un’intervista rilasciata a Il Fatto QuotidianoLi trasferiamo in altre strutture per fare posto a chi sta peggio e deve venire in Pronto Soccorso”.