Elettra Miura Lamborghini, da cosa deriva il suo nome? Non ci crederete

Sul conto di Elettra Miura Lamborghini sappiamo tutto, o quasi. Il suo cognome è uno dei più importanti in Italia. Ma sapete perché si chiama così?

Elettra Lamborghini (Getty Images)
Elettra Lamborghini (Getty Images)

Tra i personaggi dello spettacolo che attirano maggiormente l’attenzione del pubblico c’è senza dubbio Elettra Lamborghini. La sua vita privata e professionale è sempre al centro dell’attenzione mediatica. Nonostante la sua famiglia ha un impero nel mondo dei motori, la l’influencer ha voluto seguire la passione per la musica ed il canto.

E’ diventata famosa in Italia grazie alla sua partecipazione nel programma Riccanza, trasmesso da MTV. In seguito ha preso parte a diverse trasmissioni: come opinionista a L’Isola dei Famosi e come giudice a The Voice of Italy. Nel mezzo c’è stato il Festival di Sanremo tra i Big in gara e il matrimonio con il dj Afrojack.

Tra le tante curiosità che ruotano intorno a lei, c’è l’origine del suo nome, scelto dai genitori Luisa Peterlongo e Tonino Lamborghini nel 1994, anno in cui è nata. Vediamo allora da cosa deriva il suo nome e qual è il significato che si cela dietro.

Elettra Miura Lamborghini, perché si chiama così?

La terzogenita di casa Lamborghini – infatti Elettra ha due fratelli maggiori nonché due sorelle gemelle più piccole – ha un carattere energetico, vivace e appassionato. Chi la segue da anni sa che anima ogni posto in cui mette piede. Un carattere dettato anche dal nome, visto che ha un significato forte.

Tutti noi la conosciamo come Elettra Lamborghini, visto che è il suo primo nome e viene chiamata così da tutti, ma in pochi sanno che il suo secondo nome è Miura. Proprio nel secondo nome si cela il significato importante, un riferimento ad una macchina speciale dell’impresa di famiglia.

LEGGI ANCHE >>> Che macchina ha Elettra Lamborghini? Resterete a bocca aperta (FOTO)

Il suo è un nome unico, in onore della Lamborghini Miura, un’auto sportiva di grande successo tra gli anni sessanta e settanta. Una macchina particolare, speciale, nonché tra le più complesse e rara all’interno del parco della casa automobilistica. Una vera e propria supercar guidata da piloti esperti.