Pompe di calore e riscaldamento, cosa sono, costi: fanno risparmiare?

Cosa sono le pompe di calore, qual è il funzionamento e quali sono i costi? I dettagli, le info, ecco di che cosa si tratta

Pompe di calore e riscaldamento: cosa sono, costi, fanno risparmiare?
Casa (fonte foto: AdobeStock)

Quando si parla della propria abitazione e delle eventuali tecnologie a cui rivolgersi per ottenere un maggior confort, l’attenzione di tutti giustamente si alza e in molti potrebbero domandarsi cosa sono le pompe di calore, come funzionano e al contempo cercare di capire qualcosa in più in merito a prezzi, costi ed altro ancora.

La premessa doverosa è che è opportuno ed importante, prima di ogni altra cosa, approfondire tale argomento, come anche in altri casi, con esperti del settore e specialisti del campo, al fine di chiarire ogni dubbio ed ottenere informazioni utili tanto nel funzionamento in generale quanto nel particolare della propria situazione.

Come si legge su luce-gas.it, le pompe di calore sono dei macchinari che possono trasferire energia termica, quindi calore, da un ambiente che risulta essere più freddo ad uno maggiormente caldo.

Nel caso dell’inverno e a proposito ad esempio del riscaldamento, si legge, tale pompa può prendere calore dall’ambiente esterno e portarlo allo spazio interno, con un processo che è il contrario di quanto accade in modo spontaneo e di solito, ovvero con il calore che va da un corpo caldo ad uno più freddo.

Al fine di tale operazione, vi è il consumo di una certa quantità di energia da parte della pompa, che può esserne fornita mediante energia elettrica o gas metano.

Pompe di calore, funzionamento: vantaggi e svantaggi

C’è grande curiosità da parte degli interessati sul meccanismo inerente alla pompa di calore, il cui funzionamento prevede l’estrazione da aria, acqua o terra del calore e il relativo trasporto di quest’ultimo all’interno dell’edificio.

Su luce-gas.it, si legge che alcuni di questi dispositivi potrebbero permettere tanto di riscaldare quanto raffreddare gli impianti, con un uso di sistemi che, se efficienti, comporterebbero un consumo minore di energia se paragonati ai sistemi di riscaldamento tradizionali.

A proposito di vantaggi e svantaggi che potrebbero conseguire da tale scelta, è possibile leggerne alcuni, come ad esempio quello delle detrazioni fiscali al 110% fino al 31.12.2021, o ancora il fatto che sarebbe prodotto il medesimo calore di una calda tradizionale, con la metà però della energia iniziale. O ancora, che vi sarebbe un aumento del risparmio più tangibile in presenza di utilizzo anche relativo al raffreddamento.

Allo stesso modo, su luce-gas.it, si fa cenno anche agli svantaggi, ad esempio quelli relativi ai costi di installazione e di mantenimento medio – alti, le basse temperature dell’acqua che viene prodotta o, si legge, il necessario aumento della potenza del contatore.

Pompe di calore: tipi, costi e risparmi

Vi sono diversi tipi di pompe di calore, con i sistemi che possono essere diversi l’uno dell’altra a seconda di quello scelto.

In estrema sintesi e in modo non esaustivo, va detto che vi sono quelle che prendono il calore dall’aria, dall’acqua o dal terreno, ovvero aria – aria, aria – acqua o acqua – acqua. Inoltre, si legge su luce-gas.it, un ulteriore distinguo va fatto in merito all’alimentazione, ovvero se la tipologia scelta è quella elettrica o a gas.

I relativi costi variano anche in base a quanto si sceglie, con quelle aria – aria che sarebbero le più economiche. Quelle aria – acqua andrebbero dai 300 ai 900 euro al KW sino ad un massimo di 1700 euro al kW. Acqua – acqua avrebbe un costo più alto in virtù dei relativi lavori di installazione.

Gli interessati che, dopo aver approfondito opportunamente il tema, decidessero in tal senso, avrebbero diretto ad incentivi statali, si legge, quali detrazioni fiscali del 65% deducibili in dieci anni, e il Conto Termico, un rimborso che andrebbe a coprire una spesa fino a 700 euro.

L’efficienza energetica degli apparecchi in questione potrebbe produrre un risparmio per chi ne usufruirebbe, con un risparmio sull’utenza che andrebbe dal 40 al 70% circa. Tutto quanto riguarda offerte e risparmio va valutato con attenzione, mediante una panoramica di prezzi e quant’altro, ovviamente.

Si sottolinea l’importanza di rivolgersi in ogni caso e a prescindere da tutto, ad esperti e specialisti per approfondire, comprendere maggiormente il funzionamento e chiarire ogni dubbio rispetto al funzionamento, l’installazione, i costi, i risparmi ed ogni altri elemento utile in tal senso.

LEGGI ANCHE >>> Accensione riscaldamento, quando? Calendario, date e luoghi in Italia

Bollette: aumenti, bonus e come risparmiare

In questi giorni si parla con insistenze dell’aumento delle bollette, con dei rincari che hanno colpito molti italiani, alle prese con la necessità dunque di risparmiare, limitando costi e consumi proprio in risposta alle utenze più salate.

Quali sono le ragioni e i motivi dietro tale aumento e quali sono i bonus previsti in tale senso, a chi spetta e a quali condizioni?

Qui tutte le info a proposito di tale domande, cosi come un approfondimento con consigli pratici e utili per provare a risparmiare giorno per giorno e mese per mese, riducendo i consumi e provando a tagliare le voci di spesa.

Senza dimenticare, rispetto nello specifico al discorso del riscaldamento, poiché ci si avvicina sempre più al clima freddo, ad alcune mosse da poter seguire per provare a risparmiare mettendo via un po’ di denaro giorno per giorno.