Scuole chiuse in Campania: De Luca usa il pugno duro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:44

Nella consueta conferenza stampa del venerdi il governatore campano annuncia il provvedimento per il prossimo lunedi.

Vincenzo De Luca
Vincenzo De Luca (Facebook)

La situazione in Campania non migliora, e dopo la decisione del declassamento in zona arancione, per i cittadini arriva un’altra durissima notizia. Le scuole resteranno chiuse in tutta la regione dal prossimo lunedi. Una decisione presa, stavolta a livello regionale, a differenza di ciò che negli ultimi giorni ha caratterizzato la questione scuola sul territorio, con i sindaci che man mano decidevano di chiudere gli istituti scolastici nel caso in cui vi fossero contagi o situazioni, in ogni caso, delicate.

Il governatore campano, Vincenzo De Luca, nel corso della sua ormai consueta intervista del venerdi pomeriggio, ha parlato della situazione della regione di ciò che si è fatto in questi mesi e di ciò che si rischia di provocare se non si corre subito ai ripari con soluzioni drastiche che in qualche modo portino a sconfiggere il virus, e la sua rapida ascesa attraverso i contagi. La regione, cosi come in altre situazioni agisce in maniera netta e decisa, tra le proteste, molte e la soddisfazione, poco marcata, dei suoi cittadini.

LEGGI ANCHE >>> De Luca perentorio: “Vi siete divertiti? Bravi, ora entriamo in zona rossa”

LEGGI ANCHE >>> Il governatore campano De Luca tuona:Grave ripr esa dei contagi

Scuole chiuse in Campania: “Non si può più aspettare”

Vincenzo De Luca spiega le ragioni che hanno portato a questa cosi drastica decisione: “Le ragioni sono due: contrastare le varianti che hanno un’aggressività maggiore in generale ma in particolare sulla popolazione giovanile. E utilizzare alcune settimane per completare la vaccinazione del personale scolastico. Non credo che dobbiamo aspettare che ci sia un’epidemia diffusa di Covid anche tra i ragazzi di 10, 15, 18 anni, con buona pace di qualche comitato che è sempre pronto a fare ricorsi ai tribunali amministrativi”