Nicola Morra indagato per le frasi pesanti dopo la scomparsa di Jole Santelli

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Avevano suscitato grande indignazioni le frasi riportate da Nicola Morra nei confronti degli elettori di Jole Santelli.

Santelli Morre
Santelli Morra

Qualche mese fa il presidente della commissione antimafia Nicola Morra, all’indomani della scomparsa della governatrice della regione Calabria, Jole Santelli, aveva dichiarato che in un certo senso i calabresi si erano cercati quella situazione, quella cioè di restare al momento e per un po’ di tempo senza una guida politica in regione. Il motivo? Semplice secondo Morra, tutti sapevano della malattia della Santelli, morta prematuramente per un tumore, quindi avrebbero potuto non votarla e quindi non ritrovarsi in una situazione scomoda.

Le parole, chiaramente suscitarono allora molta indignazione perchè realisticamente prive di quel tatto che la situazione avrebbe forse richiesto. Attacchi e dichiarazioni contrarie da tutte le parti politiche misero, di fatto, Morra nell’angolo. La sua frase troppo cruda, troppo audace secondo molti, aveva mancato di rispetto pima di tutto alla defunta Jole Santelli, poi a tutti i malati oncologici, ed infine, ovviamente alla popolazione calabrese, fortemente accusata, dalle parole dello stesso Morra.

LEGGI ANCHE >>> Escluso dalla tv dopo la frase sulla Santelli: Do fastidio alla mafia

LEGGI ANCHE >>> Evvai! Una mafiosa in meno! La grillina festeggia la morte di Jole Santelli

Nicola Morra indagato per le frasi pesanti: le scuse di Morra alle sorelle della Santelli

Nicola Morra nel frattempo dopo aver attaccato anche un altro esponente del centrodestra calabrese, coinvolto in una inchiesta sulla ‘ndrangheta e la politica, si era scusato con le sorelle della Santelli per le sue frasi, dopo che queste lo avevano querelato. Oggi, la notizia di una indagine avviata dalla procura di Cosenza. Lo stesso Morra ha annunciato l’indagine dichiarandosi pronto ad accettare qualsiasi verdetto. Pronto ad accettare la possibilità di aver sbagliato.

“Il mio è un rimprovero. Sarò politicamente scorretto, era noto a tutti che la presidente della Calabria Santelli fosse una grave malata oncologica. Umanamente ho sempre rispettato la defunta Jole Santelli, politicamente c’era un abisso. Se però ai calabresi questo è piaciuto, è la democrazia, ognuno dev’essere responsabile delle proprie scelte: hai sbagliato, nessuno ti deve aiutare, perché sei grande e grosso”, queste le dichiarazioni di Nicola Morra che all’epoca fecero indignare tutti.