Mario Draghi cosa sappiamo davvero di lui

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:49

Con molta probabilità Mario Draghi sarà il prossimo Presidente de Consiglio italiano, ma pensandoci cosa sappiamo realmente di lui?

Mario Draghi
Mario Draghi (Facebook)

Mario Draghi si appresta a diventare, buon esito delle consultazioni attualmente in corso permettendo, il prossimo Presidente del Consiglio italiano. Ma quanto si sa di lui? Certo i più sanno della sua presidenza alla Banca d’Italia ed alla Bce, ma poi? Cosa si sa realmente dell’uomo che dovrebbe condurre il paese dalla tempesta scatenata dall’emergenza covid ad acque calme navigabili. Cosa vorrà dire davvero il suo Governo, e dove, potrà realmente portarci.

Mario Draghi è sposato ed ha due figli, entrambi brillanti professionisti, ha studiato dai gesuiti, alla Sapienza di Roma e poi al Mit di Boston. Nel 1992 fece parte in qualche modo di quello che fu un Governo tecnico guidato da Giuliano Amato ed in quell’occasione partecipò attivamente alla privatizzazione di alcune grandi aziende italiane, storico l’incontro sul panfilo Britannia, con la Regina Elisabetta. Da questa vicenda nasce, in un certo senso quella sorta di teoria del complotto che accompagna la vicinanza di Mario Draghi in questi giorni, alle prese con la formazione di un nuovo Governo.

LEGGI ANCHE >>> Cosa pensano in realtà gli italiani di un possibile Governo Draghi?

LEGGI ANCHE >>> Matteo Renzi dice si a Draghi: Con lui in ogni caso

Mario Draghi prossimo premier: “Whatever it takes”

Quello che è passato alla storia come suo personalissimo motto, quel “whatever it takes” pronunciato in occasione di una conferenza stampa, quando dichiarò che avrebbe fatto tutto il possibile, scandendolo a più riprese, per salvare l’euro e l’Europa che in quella fase molto delicata nell’anno 2012.

Una delle curiosità più interessanti legate a Mario Draghi, sta nella sua abitudine di tenere l’orologio sempre cinque minuti avanti rispetto all’orario corrente. Un trucchetto, si dice, per non arrivare mai tardi agli appuntamenti, o forse, dicono altri, semplice personalissima stravaganza, magari scaramantica, chissà.