Equitalia azzera tutto: multe e cartelle esattoriali, ecco chi può beneficiarne

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:15

Data la situazione di profonda crisi economica una buona notizia per i contribuenti italiani, in un periodo abbastanza particolare.

Agenzia delle entrate
Agenzia delle Entrate (Facebook)

Equitalia azzera le tanto temute cartelle esattoriali e le multe. Tributi, contravvenzioni, e versamenti vari, saranno bloccati al momento, in seguito all’inasprirsi della crisi economica e sociale che negli ultimi mesi ha riguardato pesantemente il nostro paese. Le misure del Governo Conte, in merito, sostengono le imprese che al momento sono ferme, i commercianti, i piccoli imprenditori, e tutti quanti risentono maggiormente dell’attuale mancanza di lavoro. Derivante dalla crisi, o anche dalla restrizioni apportate per l’emergenza.

La Corte di Cassazione, oltre chiaramente al già precedente intervento del Governo ha deciso in fatti lo stralcio di numerosissime posizioni. Nei dettagli, riferendosi a quanto riportato nell’ordinanza numero 28072/2019, ci si riferisce ai debiti risalenti al periodo compreso tra il 2000 e il 2010, per importi fino a mille euro. Il tutto stabilito ai sensi dell’articolo 4 del d.l. 119/2018, convertito in legge 136/2018.

LEGGI ANCHE >>> Suicida nel suo negozio, a cui aveva dato la vita: Umberto se n’è andato cosi

LEGGI ANCHE >>> Partite Iva, novità sulle tasse: sì alle rate, addio a saldi e acconti

Equitalia azzera tutto: cosa significa nei dettagli

Il comma 1 dell’art 4, infatti, sancisce che “i debiti di importo residuo, alla data di entrata in vigore del presente decreto, fino a mille euro, comprensivo di capitale, interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni, risultanti dai singoli carichi affidati agli agenti della riscossione dal 10 gennaio 2000 al 31 dicembre 2010, ancorché riferiti alle cartelle per le quali è già intervenuta la richiesta di cui all’articolo 3, sono automaticamente annullati”.

Una manna dal cielo, insomma, per i piccoli imprenditori e i commercianti su tutti, in questo periodo di particolare emergenza economica. Impossibilitati, molti, a svolgere il proprio lavoro con tranquillità. Un sentenza che fa ben sperare, anche per il futuro.