Berlusconi chiede la spallata definitiva: “Non c’è più tempo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:22

Il cavaliere esce allo scoperto e incita Renzi a portare avanti il processo politico avviato, dando la definitiva mazzata al Governo.

Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, esce allo scoperto nell’appoggiare l’attuale percorso intrapreso da Matteo Renzi leader di Italia Viva. Secondo Berlusconi è arrivato il momento di completare il percorso iniziato di mettere alle strette il Governo con quel peso politico, all’interno della maggioranza, dimostrato ampiamente in aula, al Senato. La mossa di astenersi dal voto, da parte di Italia Viva, ha evidenziato, quanto, effettivamente i voti del partito siano necessari e vitali per la stabilità del Governo.

Il cavaliere invita a spingere, invita a dare il colpo finale ad un Governo che oggi, sembra no avere i numeri necessari per governare con una certa tranquillità. L’invito è stato lanciato, il che potrebbe prefigurare anche una sorta di intesa, quantomeno di intenti. Renzi a questo punto ha gettato il sasso nello stagno, i cerchi crescono e minano la stabilità della maggioranza. Un nuovo sasso, a questo punto, sarebbe letale per l’esecutivo, e questo Berlusconi l’ha capito bene .

LEGGI ANCHE >>> Silvio Berlusconi ricoverato d’urgenza in ospedale

LEGGI ANCHE >>> Silvio Berlusconi dalla parte dell’Italia: Pronti a dare una mano

Berlusconi chiede la spallata definitiva: “forze politiche incompatibili al Governo”

Il governo Conte – ha spiegato Silvio Berlusconi – è espressione di forze politiche incompatibili con noi e non ha ottenuto risultati soddisfacenti, tanto è vero che lo stesso presidente del Consiglio ha parlato più volte in questi giorni della necessità di una svolta, di un cambio di passo. Come sarebbe possibile una svolta con gli stessi partiti, le stesse idee, le stesse persone che hanno governato finora?. Il presidente è molto abile nel cogliere il momento. Ma questo giova alla sua sopravvivenza politica – conclude –  non al Paese. Una posizione abbastanza netta, insomma, quella del leader di Forza Italia.