“Andavo a casa e piangevo”, il dramma di Martina Colombari

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:40

Martina Colombari sfiora le lacrime a Oggi è un altro giorno, il suo racconto ha molto colpito il pubblico di Rai 1: ecco cosa è successo nel suo passato.

Serena Bortone è ancora in collegamento da casa con Oggi è un altro giorno, la conduttrice è ancora positiva al Covid-19 ma non molla il tiro e continua a portare avanti al suo programma.

La prima ospite di oggi è Martina Colombari, l’ex Miss Italia e attrice ha mostrato un lato tutto nuovo al pubblico di Rai 1 sfiorando quasi le lacrime in diretta.

Ma cosa c’è nel suo passato di così doloroso da colpirla ancora oggi? Ecco il suo racconto, nel quale molte donne e uomini potranno certamente ritrovarsi.

LEGGI ANCHE>>>Martina Colombari e Billy Costacurta, 25 anni di amore con il sorriso

LEGGI ANCHE>>>Martina Colombari provoca i fan con una battuta

Oggi è un altro giorno, Martina Colombari ricorda le lacrime del passato

Quando Martina Colombari si è trasferita a Milano, da sola, per raggiungere il suo sogno si è trovata davanti a numerose difficoltà. Oltre a dover fare i conti con una vita da ‘adulti’ ha dovuto convivere con l’etichetta della ‘bella‘, sicuramente di aiuto per la carriera ma non sempre facile da portare a dosso.

“Succede anche che devi dimostrare il doppio, che ho smosso di rimanerci male: non ho più bisogno dell’approvazione degli altri ma l’ho scoperto adesso che ho quasi 46 anni” racconta la nota attrice. “Il non dover per forza rassicurare gli altri che oltre alla bellezza c’è anche un’intelligenza, una testa pensante, una mamma, una moglie, una volontaria, un attrice, una donna” continua poi.

“Arriva sempre prima di te, è una bellezza ingombrante racconta Martina, ripensand a tutte le volte in cui ha sofferto per questo: “Magari mi ritrovavo a qualche cena importante o a delle riunioni e non ti fanno parlare o non vogliono ascoltare la tua opinione. Ti guardano con superficialità: tanto tu sei quella bella.”

“Adesso faccio una scrollata di spalle, prima ci rimanevo male” continua Martina Tornavo a casa e piangevo. Dovevo sempre dimostrare di più.”