Coronavirus, la preoccupazione di Pregliasco: “La curva peggiora”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:35

Il virologo descrive gli ultimi giorni del contagio, i numeri, le proiezioni, ed immagina giorni di particolare rischio sanitario.

Pregliasco reazioni vaccino
Fabrizio Pregliasco effetti vaccino (Facebook)

Fabrizio Pregliasco, Ricercatore Confermato in Igiene Generale ed applicata all’Università degli Studi di Milano, ha rilasciato una serie di dichiarazioni in merito all’attuale livello di emergenza nel nostro paese e più dettagliatamente in Lombardia. Secondo il virologo, la curva dei contagi sarebbe in fase di peggioramento, con tutte le dinamiche, le attenzioni, ed i rischi che ne conseguono. Una situazione in qualche modo anticipata da molti esperti del settore.

Nel fare riferimento alla Lombardia, dichiara tutti i suoi timori circa la situazione che riguarderebbe la città di Milano, e chiaramente, la stessa, intera regione. Prospetta un declassamento in zona rossa, a cominciare dai prossimi giorni. Si prospetta, insomma, una nuova fase, critica, in cui i cittadini, tutti, devono ritornare a considerare, in maniera decisa e precisa, tutte le indicazioni, e tutte le misure di prevenzione del caso, in maniera assolutamente forte.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, la preoccupazione di Pregliasco: Terza ondata possibile

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus la situazione peggiora, Pregliasco: La terza ondata è certa

Coronavirus, la preoccupazione di Pregliasco: “Aumentano ricoveri e terapie intensive”

“L’Rt, l’indice di contagiosità – spiega Pregliasco – è sicuramente sopra l’1, fino a ieri vicino all’1,25; salgono poi i ricoveri per Covid e le terapie intensive sono oltre la soglia critica del 30%. Inoltre, la prima spia d’allarme che si è accesa è la risalita delle richieste di soccorso al 118″.

“Speriamo sia solo un’ondina e non un cavallone – continua il virolgo – per ora il trend è contenuto, ma non va bene: la curva, prima era in discesa a dimostrare la frenata della seconda ondata Covid. Ora, invece, è in rialzo. A dicembre già sapevamo che la situazione poteva peggiorare a metà di gennaio: adesso stanno emergendo i contagi delle feste fra Natale e Capodanno, quando è stata abbassata la guardia