Matteo raggiunge papà in cielo: giovanissima vittima della strada

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:00

Tragica morte di ritorno da lavoro per un giovanissimo abruzzese, mistero sulla dinamica dell’incidente tra furgoni della stessa azienda.

muore matteo di leonardo
matteo di leonardo

Non è più tornato a casa dal lavoro, Matteo. La sua vita si è spezzata sulle strade della Teramo mare. Un incidente ancora avvolto dal mistero perché a scontrarsi sono stati due furgoni Doblò della stessa azienda. Erano colleghi che rientravano dopo avere concluso il turno lavorativo. Matteo aveva solo 24 anni e ogni suo sogno è rimasto lì, sulla Statale 80 che porta verso il mare.

Uno dei due mezzi bianchi dopo lo schianto si è fermato contro il guard rail, l’altro in una scrpata. I soccorsi sono riusciti a salvare uno dei due ragazzi coinvolti ma per Matteo Di Leonardo, non c’è stato nulla da fare: è morto sul corpo per il violento impatto contro il ferro della protezione stradale.

LEGGI ANCHE >>> Il piccolo continua a chiamare mamma ma lei non c’è più

LEGGI ANCHE >>> Aveva da poco festeggiato il compleanno, poi il Covid: muore un Carabiniere

Matteo raggiunge papà in cielo: lascia la mamma e la sorella

Non è ancoraa chiaro come sia avvenuto il terribile incidente motivo per il quale è stata disposta l’autopsia sul corpo del 24enne e proseguono le indagini delle forze dell’ordine. Sul luogo dell’incidente si è reso necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco. Matteo Di Leonardo era di Tossicia, centro in provincia di Teramo: il giovane è rimasto incastrato nelle lamiere dopo il tremendo schianto.

A Tossicia lo ricordano tutti come un ragazzo appassionato della vita, che amava la musica e il calcio. Viveva con la mamma Delfina, con la sorella Lara e la sua famiglia. Cinque anni fa aveva perso il papà Dario, stimato autista della Comunità Montana. Matteo suonava il tamburo nella banda locale. Aveva militato in varie squadre del Teramano. Aveva giocato con il Montorio nel settore giovanile, con il Tossicia in promozione e ora giocava con l’Isola.