19enne beve gel igienizzante anti-Covid: gravi le sue condizioni

Ancora l’assurda pratica di ingerire l’igienizzante anti-Covid. Il ragazzo è ricoverato in ospedale in gravi condizioni.

Gel igienizzante
Gel igienizzante (Facebook)

E’ successo al Liceo Cotugno di L’Aquila, uno studente 19enne, nel corso del primo giorno di ritorno in presenza a scuola, ha ingerito del liquido igienizzante anti-Covid, presente nei bagni della struttura scolastica. L’arrivo degli operatori sanitari hanno permesso in brevissimo tempo il trasporto del giovane presso il vicino ospedale cittadino, dove si è reso necessario il ricovero in rianimazione per l’aggravarsi delle sue condizioni generali.

Il 19enne, per il quale si era resa necessaria la presenza di un insegnante di sostegno, avrebbe ingerito il liquido igienizzante all’uscita dal bagno. Le sue condizioni sono da subito apparse gravi e per questo è stato deciso il ricovero in rianimazione, dove a questo punto si spera che il giovane possa riprendersi al più presto. Purtroppo quella che ormai è diventata quasi una pratica consueta, basti pensare ai tanti casi simili in tutto il mondo, ha provocato l’ennesima vittima, sperando che la situazione possa risolversi nel migliore dei modi,  il prima possibile.

LEGGI ANCHE >>> Gel igienizzante: ci sono ancora persone che lo bevono per curarsi!

LEGGI ANCHE >>> Igienizzante al posto dell’alcol: la festa si trasforma in tragedia

19enne beve igienizzante anti-Covid: gli altri casi nel mondo

Numerosi i casi in tutto il pianeta di persone che hanno ingerito il liquido igienizzante, addirittura convinti che questo potesse proteggerli dal Covid, anche in quel modo. Ovviamente parliamo di persone risultate poi avvelenate dal contenuto di tale gel igienizzante. Ma in alcuni casi le cose sono andate addirittura peggio.

Basti pensare a quello che è successo qualche settimana fa in Russia, dove nel corso di una festa, si è ben pensato di sostituire all’alcol proprio il liquido igienizzante. Il tragico risultato ha portato alla morte di ben sette persone. Tutte avvelenate da quel gel che per gioco o per pura follia, avevano avidamente ingerito.