Igienizzante al posto dell’alcol: la festa si trasforma in tragedia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:31

Un vicenda incredibile, una tragedia inaspettata che ha sconvolto un intera comunità in un momento già duro.

Bambina igienizzante (Leggo)
Bambina igienizzante (Leggo)

Una comune festa, in Russia, villaggio di Tomtor, distretto di Tattinsky della regione più estesa di tutto il paese, la Yakutia. Tante persone, voglia di divertirsi e forse di dimenticare per un’attimo quello che succede in tutto il mondo. Voglia di divertirsi e di bere, come spesso succede, come in alcuni luoghi è quasi fondamentale tradizione. Ma stavolta il divertimento si trasforma in tragedia, e quel bere, in fatale occasione di morte.

Scambiano l’igienizzante, quello che ormai abitualmente utilizziamo per disinfettare le mani, per alcol, la svista è fatale, sette morti, altre due persone in coma. Una tragedia assolutamente inaspettata, le morti arrivate in momenti diversi, ma tutte con un comune fattore, l’assunzione del maledetto igienizzante per mani. Qualcosa di assolutamente impensabile, che nei modi e nei tempi, non si sa davvero come sia potuto capitare, a tante persone tra l’altro, ma sulla vicenda stanno già indagando le forze dell’ordine locali.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, Conte ammonisce: A Natale niente baci e abbracci

Il maledetto virus colpisce anche indirettamente

La vicenda, per quanto assurda ci fa intendere quanto il virus possa uccidere, anche indirettamente, anche non agendo sull’organismo delle persone, ma soltanto sulla paura di esse di contrarlo. Un prodotto, l’igienizzante, entrato prepotentemente nelle nostre abitudini, scambiato chissà come per alcol e fatale per le sostanze in esso contenute, tra queste il metanolo. La morte scaturita dalla paura costante del contagio, per qualcosa che non conosciamo ancora tanto bene, che si spaventa al punto di cambiare drasticamente le nostre abitudini.

Gli inquirenti, come detto, indagano, ma non c’è molto da scoprire sulle tante morti di questa incredibile festa, finita in tragedia. L’avvelenamento è più che appurato, restano da stabilire le dinamiche, come sia potuto accadere a cosi tante persone. Ma per questo si dovrà forse aspettare ancora.

LEGGI ANCHE >>> Palermo, tragedia sfiorata: crolla il tetto di una scuola elementare