M5S in piazza contro la nuova nomina: crisi per Fontana nonostante il rimpasto

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Se la crisi di governo è dietro l’angolo, la Lombardia non vive certamente una stagione migliore: il rimpasto è avviato per la giunta di Attilio Fontana.

Il Movimento Cinque Stelle Lombardia, questa mattina è sceso in piazza contro la nomina di Letizia Moratti al posto dell’assessore Gallera.

All’indomani dell’ufficializzazione dei nomi della nuova giunta di Palazzo Lombardia  è scattato il flash mob di M5S in piazza Città di Lombardia. La manifestazione è stata promossa dal Movimento 5 Stelle Lombardia, fortemente critico con il rimpasto voluto dal governatore Attilio Fontana.

LEGGI ANCHE >>> Regione Lombardia, pronta la nuova giunta: Il problema non era Gallera

LEGGI ANCHE >>> Fontana annuncia: da domenica la Lombardia cambia colore

M5S in piazza contro la nuova nomina: Pentastellati contro l’ex primo cittadino di Milano

Esposti cartelli come “Sanità non fa rima con Moratti”, “No alla sanità del mojito”, “La Lega ci frega (ancora)”, “Sanità is the new petrolio”, “Fontana commissariato da Salvini”. Per Massimo De Rosa, capogruppo del M5S Lombardia: “I nuovi nomi della Giunta Fontana non danno nessuna garanzia di un cambio sostanziale nelle politiche sanitarie della Lombardia. Salvini non ne azzecca mai una e con Moratti il quadro non può che peggiorare. Fontana poi, è ormai un presidente fantoccio, un burattino nelle mani di un partito incapace di governare”.

“Alla sanità lombarda non servono manager con nomi noti ma di scarsi risultati ma tecnici capaci e un’amministrazione in grado di rivoluzionare un’offerta sanitaria che ha mostrato tutta la sua debolezza con l’emergenza Covid. Sulla nuova sanità lombarda il M5S ha una solida proposta di riforma che attende da mesi di essere discussa. Questa politica da basso servilismo di Prima Repubblica ha stancato”, ha concluso De Rosa.