“Una bambina di 12 anni morta in piazza” Terremoto in Croazia: l’istante (VIDEO)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:18

Il terremoto ha messo in ginocchio la Croazia, soprattutto la provincia della capitale Zagabria. Vittime e danni.

“Una bambina di 12 anni morta in piazza” dice tra le lacrime il sindaco di Petrinja, Darinko Dumbovic. La cittadina di 25mila abitanti è stata l’epicentro delle forti scosse di terremoto che ieri, 29 dicembre, hanno devastato la Croazia. Una fortissima scossa di terremoto, che per rendere l’idea, è stata di poco inferiore a quella che distrusse il Friuli Venezia Giulia nel 1976. Una città in ginocchio, un Paese che oggi piange e fa i conti dei danni e delle vittime: almeno sette quelle per il momento accertate, ma si continua a scavare tra le macerie.

Alle 12.20 del 28 dicembre, è stata registrata una scossa di magnitudo 6.4: l’epicentro 44 chilometri a sud-est di Zagabria, a una profondità di 10 chilometri.

I feriti sono decine, alcuni dei quali gravi. Interrotta l’elettricità e le linee telefoniche. Per precauzione è stata fermata la centrale nucleare di Krsko in Slovenia. La scossa è stata avvertita anche in Italia: da Bolzano al Friuli, dal Veneto fino all’Abruzzo. La terra ha tremato per diversi secondi, due scosse forti nel Veronese, la più alta è stata di 3.9.

LEGGI ANCHE >>> Terremoto in Croazia: crollano ospedale e asilo, si contano i danni

LEGGI ANCHE >>> Trema il nord Italia: forte scossa di terremoto in Croazia, mai così forte

“Una bambina di 12 anni morta in piazza” Terremoto in Croazia: guardate come trema la terra (VIDEO)

“Le prime scene di Petrinja sono davvero drammatiche, ci sono molte macerie”, si legge sul sito web di Radio Sarajevo. La Croce Rossa Croata, intervenuta per i soccorsi, parla di “situazione molto grave”. Il sindaco di Petrinja, Darinko Dumbovic. “È terribile, ci sono morti e feriti, abbiamo visto una bambina morta in una piazza, il centro è distrutto. È un disastro”. Il governo ha mobilitato l’esercito.

A Zagabria la scossa ha causato danni all’edificio del governo centrale. Il premier Andrej Plenkovic e gli altri membri del governo sono stati evacuati. Plenkovic è partito subito dopo per Petrinja. In visita alla città colpita anche il presidente croato Zoran Milanovic: Quello che è accaduto è orribile”, ha detto.

Il drammatico Video della scossa