“Rischiamo 40 mila morti di questo passo”: la previsione di Ricciardi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:23

Il consulente del ministero della Salute, prevede uno scenario catastrofico senza un intervento specifico sulla mobilità.

Walter Ricciardi
Walter Ricciardi (Facebook)

Il consulente del ministero della Salute, Walter Ricciardi ha parlato del problema mobilità rispetto alla diffusione del contagio nel nostro paese. Secondo l’esperto, se non si limita di molto la possibilità di circolare senza alcuna regola, si corre il rischio di ritrovarsi per il prossimo febbraio con 40mila morti. Una scenario assolutamente tragico, al quale però si può porre ancora rimedio, agendo sulla possibilità di circolare tranquillamente ovunque.

“Le nuove misure sono adeguate nei principi – ha dichiarato Ricciardi – perché la cosa importante è limitare la mobilità. Con la variante inglese siamo esposti non soltanto al virus per come lo conosciamo, ma a un virus ancora più contagioso. Il problema è la tempistica – continua – se si pensa di attenuare questa curva epidemica con dei giorni è un’illusione, se invece si pensa di attrezzarsi per resistere settimane si ha una possibilità di vincita”.

LEGGI ANCHE >>> Variante coronavirus, la posizione di Ricciardi: Lockdown subito

LEGGI ANCHE >>> Basta scherzare con il fuoco, Ricciardi: Lockdown inevitabile a questo punto

“Rischiamo 40 mila morti di questo passo”: la variante inglese, più contagiosa

“Gli inglesi hanno fatto una cosa molto importante – ha ribadito Ricciardi – hanno finanziato un consorzio dei migliori centri di sequenziamento genomico virale e hanno sequenziato centinaia di casi. Poi si sono resi conto che questa variante era un po’ più contagiosa rispetto all’altra – continua – e hanno dato l’avvertimento al mondo un po’ troppo tardi perché se avessimo avuto la possibilità di saperlo prima probabilmente saremmo stati più all’erta

Ricciardi prevede che potremmo uscire dall’epidemia ad anno inoltrato, con tutti gli accorgimenti necessari, ovviamente. A questo punto non resta che attendere le prossime mosse del Governo per capire quanto in realtà si è disposti ancora a rischiare, anche con ulteriori restrizioni.