Terrore a Firenze: altri resti umani saponificati in valigia, di una donna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:22

Chi ha ucciso a Firenze tagliando a pezzi i cadaveri e saponificandoli? Un interrogativo che non ha ancora risposte, ma c’è paura.

il terreno dove è stata fatta la macabra scoperta (TgCom)

Firenze ha paura, e ha ragione. E’ stata scoperta una terza valigia contenente resti umani saponificati e sempre nella stessa zona, un terreno agricolo in prossimità del carcere di Sollicciano. Gli investigatori provano a ipotizzare che tutte e 3 le valigie facciano parte di un unico crimine, ma è oggettivamente troppo presto per fare ipotesi, anche perché quei corpi martoriati potrebbero essere stati abbandonati tra i 6 e i 24 mesi prima.

Ci sarà molto da lavorare per gli esperti investigatori ma la città ha paura: paura che tra i vicini di casa possa nascondersi un pericoloso e macabro serial killer stile Pacciani e i compagni di merenda che hanno terrorizzato Scandicci e le campagne della zona negli anni ’70 e ’80.

LEGGI ANCHE >>> Muore decapitato: tragico incidente in provincia di Roma

LEGGI ANCHE >>> L’ultimo passo di danza, muore a 5 anni: oggi le rubano le bambole

Terrore a Firenze: altri resti umani saponificati in valigia, si brancola nel buio

Sono stati i carabinieri a trovare una terza valigia con resti umani nello stesso campo alla periferia di Firenze dove, negli ultimi giorni, erano state trovate altre due con parti del cadavere di un uomo. Secondo gli investigatori, i resti di questa terza valigia appartengono a una donna. Si vocifera di un tronco umano, in avanzato stato di decomposizione. La scoperta è stata fatta lunedì pomeriggio.

La prima valigia era stata trovata dal proprietario del terreno, in mezzo alla vegetazione, lungo l’argine alla base della sopraelevata della superstrada Fi-Pi-Li. All’interno custodiva, dentro un’altra valigia, avvolto in una specie di telo, il tronco di un uomo, saponificato. Il giorno successivo, l’11 dicembre, la scoperta della seconda valigia, fatta dai carabinieri nel corso di un sopralluogo, trovata a circa 70 metri dalla prima.

Come le altre due, la terza valigia era piena di fango e si sarebbe trovata lì da tempo. Finita in quel campo, come le altre due, dopo essere stata gettata dalla superstrada che passa sopra. Ulteriori ricerche saranno effettuate nelle prossime ore alla ricerca di un’eventuale quarta valigia nascosta tra la vegetazione di quel terreno: potrebbe contenere ciò che manca dei resti del secondo cadavere.