E’ un buon risveglio per cinque Regioni: chi cambia colore il 29 novembre

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:55

Cinque Regioni cambiano colore e vedono diminuite le restrizioni anti Covid. Vediamo quali sono e cosa cambia per loro.

Oggi, domenica 29 novembre, cinque Regioni cambiano vita e colore delle misure restrittive anti Covid. Una decisione presa dal Ministero della Salute a fronte dell’indice Rt che è migliorato, anche se continuano a preoccupare i ricoveri, soprattutto in terapia intensiva. Ieri si sono registrati 26.323 nuovi positivi, 686 i nuovi decessi.

La curva dei contagi da Covid-19 in Italia comincia a scendere, siamo tornati molto al di sotto dei trentamila, una settimana fa erano più di 40mila. Calabria, Lombardia e Piemonte da oggi 29 novembre passano da zona rossa ad arancione, mentre Liguria e Sicilia diventano zona gialla.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, la bomba di Crisanti: Lockdown dopo Natale

E’ un buon risveglio per cinque Regioni: come cambia la vita a partire dal 29 novembre

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, firma una nuova ordinanza che apre a cinque Regioni che erano ancora rosse o arancioni con tutte le restrizioni ad esse collegate. Rinnovate le stesse misure per Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche e Toscana. Campania e Toscana resteranno «rosse» almeno fino al prossimo Dpcm atteso per il 4 dicembre, mentre Emilia Romagna, Marche e Friuli Venezia Giulia rimangono per il momento «arancioni».

Chi passa da zona rossa ad arancione può tornare a viaggiare all’interno del proprio comune di residenza: sarà possibile dal 29 novembre, spostarsi senza dovere esibire l’autocertificazione. Fermo restando che vengono confermate le chiusure notturne dei locali e il coprifuoco dalla 22 alle 5.

Ora si attende il nuovo dpcm del 4 dicembre che prenderà una decisione netta sulle feste natalizie e il Capodanno: non dovrebbero essere richiesti ulteriori duri sacrifici agli italiani già stressati dal lockdown che dura praticamente da marzo, anche se in estate c’è stao un libera tutti che probabilmente ha causato la seconda ondata: un errore che il premier Conte non vuole più commettere.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, Sileri attacca: Ospedali in sovraccarico anche con l’influenza