Coronavirus, cosa sarà di questo Natale: il Governo ci farà sapere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:00

Inutile nasconderlo sono tutti concentrati sul Natale, cosa ne sarà? Forse sapremo tra qualche giorno, forse.

albero di natale
Un albero di Natale addobbato (Fonte: Pixabay)

Poche storie, qui tutti aspettano di sapere cosa sarà del Natale. In quanti si potrà festeggiare, dove si potrà festeggiare, come si potrà festeggiare. Con chi, con cosa, perchè e per come. Tutto, proprio tutto. I più ottimisti pensano addirittura di andare a sciare, i più realisti sanno benissimo che poco o niente cambierà, perchè finora poco o niente è cambiato, anche in zona, rossa, quindi eventuali allentamenti di presa, saranno una manna dal cielo che quelli che di fatto hanno agito come fosse un momento qualsiasi della loro vita.

Le strade sono piene, i negozi anche, i bar hanno la fila, ed i supermercati anche. Cosa è cambiato davvero? Mah. Di fatto se dovessero concedere qualche libertà in più per le feste sarebbe grasso che cola no? E allora non ci resta che attendere i primi giorni di dicembre se capire se realmente il Governo baderà a rendere più agile la stretta, per modo di dire, o se persisterà sulla strada delle forti restrizioni, che immaginata a Natale quanto possano fare paura.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, il ministro Speranza: Anche la messa di Natale a rischio

Coronavirus, cosa sarà di questo Natale: Il panettone ci sarà? e il pandoro?

Ma come sarà di fatto questo Natale? Probabilmente come tutti gli altri, perchè comunque i negozi dove andare a spendere tanto per cenoni infiniti e per regali spesso inutili ci sono, eccome. Quindi tutto sommato, la festa ci sarà, magari non in 20 a tavola, si spera, ma comunque sarà festa, dolci, regali. Panettone o pandoro? Mah, questo non possiamo saperlo, forse questo è l’unico serio dubbio che può seriamente prendere la maggior parte degli italiani.

Forse entrambi su, bisogna festeggiare l’anno che va via, finalmente, e sperare che il nuovo, sia un po’ meno carico di sorprese, sia amare che dolci. Forse, sarebbe meglio cosi, un anno di transizione, e poi tutto come prima.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, gli italiani ci hanno capito poco: Cosa succederà a Natale