Gli ultimi giorni di Diego Armando Maradona: dall’operazione alla disputa familiare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:24

È morto Diego Armando Maradona, il calciatore si è spento a soli 60 anni e dall’Argentina giungono quelle che sono le prime notizie sui suoi ultimi giorni di vita.

Al momento della morte, Diego Armando Maradona si trovava nella sua casa di Tigre, proprio qui era tornato dopo essersi sottoposto a un delicato intervento alla testa. Il Pibe de Oro è stato operato a Buenos Are presso la clinica La Plata, dove era stato ricoverato per problemi legati alla depressione, stando almeno alle indiscrezioni arrivate dall’Argentina.

Aire De Santa Fe scrive in un lungo articolo nel quale racconta gli ultimi giorni di vita della Manos De Dios che il calciatore nonostante la rianimazione non è mai riuscito a riprendersi.

Così, mentre il mondo intero piange la morte di uno dei calciatori più grandi di sempre ci si interroga su quale fosse il contorno che circondava Maradona nei suoi ultimi giorni di vita.

LEGGI ANCHE>>>È morto Diego Armando Maradona: terribile lutto nel mondo del calcio

Diego Armando Maradona, gli ultimi giorni prima della morte

Maradona
Maradona (Facebook)

A seguito di una TAC è stato riscontrato nel cervello di Diego Armando Maradona un ematoma subdurale, che ha costretto il noto calciatore a sottoporsi a un delicato intervento, dal quale sembrava esserne uscito indenne al punto da apparire in un selfie su Instagram per rassicurare i suoi fan.

A postare lo scatto il suo medico personale, Leopoldo Luque che dichiarò che Maradona si stava rimettendo dall’operazione, al punto da poter lasciare il 12 novembre l’ospedale. Marandona si era lasciato alle spalle il suo passato di droga e alcol, lo ribadisce con forza chi gli era vicino, anche suo figlio Diego Jr è intervenuto sull’argomento difendendo l’onore del padre solo pochi giorni fa.

Droni e mas media hanno circondato la casa del Pibe de Oro, al punto da costringere l’avvocato e amico, Marias Morla a intervenire: “Ho appena contattato le autorità locali preoccupate per il numero di droni che sorvolano il paese in cui vive Maradona.”

“Chiedo PRIVACY per Diego e tutti i vicini, altrimenti avvieremo azioni legali contro chi insiste su questo comportamento” ha scritto infatti sul suo profilo Twitter il suo legale. Secondo poi quanto scritto dal telematico Aire De Santa Fe Maradona avrebbe dichiarato di essere stato costretto a firmare un testamento a favore delle sue due figli maggiori quando era in gravi condizioni di vita. L’ultima di una lunga serie di dispute familiari.