Twitter, in arrivo i tweet a tempo: funzionamento e motivi della novità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:25

Si chiamano Fleets i nuovi contenuti a tempo lanciati da Twitter. Sono delle piccole storie che dopo essere state testate negli scorsi mesi sono finalmente disponibili per tutti

Twitter
Fonte Instagram – @birx.medya

In una società dove c’è sempre meno spazio per momenti di lunga contemplazione, i social network sono ormai l’esempio assoluto della più mera sintesi.

Già attraverso post, foto, video e commenti arrivano immediatamente ai fruitori, ma ormai da qualche tempo bisogna badare anche al tempo. Infatti i contenuti troppo lunghi sono spesso ritenuti noiosi e non hanno molto seguito.

Quelli brevi al contrario possono avere un’efficacia devastante, per questo anche Twitter ha deciso di adeguarsi a questa linea. Si chiamano Fleets e sono delle piccole storie simili a quelle che utilizziamo su Instagram. Dunque dopo un po’ di tempo (probabilmente 24 ore) verranno automaticamente eliminati. I messaggi ricevuti attraverso questi nuovi contenuti finiranno nei propri messaggi.

LEGGI ANCHE >>> Adescava ragazzine su Twitter, poi le faceva a pezzi: rischia pena di morte

Twitter, qual è la motivazione che sta alla base dell’introduzione dei Fleets?

L’interrogativo però sorge spontaneo. A che scopo sono stati ideati e creati i Fleets? In primis per un discorso di preferenze degli utenti, che secondo i sondaggi sui big social non nutrono più un grande gradimento per i pensieri che rimangono stabilmente sul web. 

Sembra scemare la fame di popolarità delle persone, anche perché attraverso questa nuova opzione facoltativa si può prontamente rimediare ai post che magari vengono pubblicati per rabbia o istinto.

Un modo per salvare la faccia da gaffe che nel mondo virtuale sono ormai all’ordine del giorno. Dunque non rimane che testare per capire se realmente il discorso ha riscontro. Gli esperti di Twitter non sono più nella pelle per questa novità di notevole importanza.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, Twitter ai propri dipendenti: “Lavorate da casa”