Coronavirus, ci sono i divieti? Andiamo a festeggiare in autogrill

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:22

La notizia arriva dalla Puglia, dove una famiglia si è ritrovata a festeggiare su un’area di servizio lungo l’autostrada A14.

Area di servizio
Area di servizio (Facebook)

In barba ad ogni divieto e dotati di una immensa fantasia e spirito di iniziativa, una famiglia si è ritrovata a festeggiare su un’area di servizio in zona Acquaviva delle Fonti, sulla A14 Bologna-Taranto. Il gruppo, composto da circa 15 persone ha festeggiato tranquillamente la ricorrenza da onorare, in contrasto con i divieti contenuti nell’ultimo dpcm, ma di fatto senza commettere alcuna infrazione in quanto le aree di servizio non sono soggette a chiusura anticipata come ristoranti, pizzerie, bar e pub.

La furbata, che in maniera ironica aveva spopolato nei giorni scorsi sui social, in realtà ha trovato la sua perfetta applicazione. La famigliola, probabilmente tutta riunita ha potuto quindi festeggiare indisturbata mentre magari altre famiglie, hanno preferito restare a casa per non rischiare di compromettere una situazione già di per se abbastanza grave. La scoperta della cosa è avvenuta in seguito ad alcune foto sui social network, un classico insomma.

LEGGI ANCHE >>> Dpcm, tutti i ristoranti chiusi dopo le 18? No, i politici cenano a Montecitorio

Al diavolo i divieti, la famiglia va tutta a pranzo sull’area di servizio

Il raggiro è dunque riuscito alla perfezione, e chissà quanti a questo punto proveranno a ripetere l’operazione, magari in tanti l’avranno già fatto senza però lasciare ingenuamente tracce sui social. L’apertura delle aree di servizio, in forma continuativa, è chiaramente dovuta a soddisfare le esigenze di quanti in strada ci lavorano, i camionisti ad esempio, che in periodi come questo, in ogni caso, non vedono interrotto il proprio lavoro.

La situazione è quella che è, ma di certo in molti non rinunciano alle abitudini classiche, al massimo cambiano contesto, studiano nuove formule, e spesso riescono anche a spuntarla.

LEGGI ANCHE >>> Potenza, i ristoranti costretti a chiudere: il cibo ai poveri glielo diamo noi