Coronavirus, Bertolaso no ha dubbi: “Serve lockdown di un mese”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:04

Guido Bertolaso torna a parlare della situazione che riguarda il nostro paese, e dice la sua su ciò che sarebbe più giusto fare.

Gloria Piermarini, Chiara e Olivia: chi sono moglie e figlie di Guido Bertolaso?
Guido Bertolaso (Fonte foto: web)

Guido Bertolaso torna a parlare della situazione che da un paio di mesi riguarda fortemente il nostro paese. L’epidemia di Covid19, che nelle ultime settimane è ritornata più forte che mai, in maniera quasi inaspettata, non lascia stupito l’ex capo della Protezione Civile. Cosi come fece qualche settimana fa, Bertolaso parla di ciò che non è stato fatto dal Governo, e delle responsabilità di quest’ultimo, pesanti, riguardo l’attuale situazione.

La situazione attuale, secondo Guido Bertolaso, può essere risolta soltanto con un lockdown totale, di almeno un mese. Una condizione che fermi, che blocchi gli italiani insomma, e che faccia in modo che il dato possa calare, frenando cosi in maniera secca ed efficace il contagio che altrimenti potrebbe arrivare a numeri davvero impensabili. Ciò che succede è molto grave, e si rischia di peggiorare le cose se non si agisce per tempo, spiega Bertolaso.

LEGGI ANCHE >>> Guido Bertolaso non le manda a dire: Lockdown per questo governo

Guido Bertolaso: “Potrebbe essere peggio di marzo”

Secondo Bertolaso, se non si procede ora ad una chiusura totale del paese, si rischia, per metà novembre, una situazione peggiore di quella di marzo, quella che aveva indotto il Governo a varare il tanto temuto lockdown. Peggiore di marzo perchè in quel periodo erano soltanto un paio le regioni fortemente interessate dal contagio, ora invece il il virus si è diffuso praticamente ovunque, e questo potrebbe essere estremamente rischioso.

Una riflessione non troppo positiva quindi, in linea con ciò che pensa la stragrande maggioranza degli addetti ai lavori, se cosi possiamo definirli. Uno scenario catastrofico, evitabile con una chiusura totale. Staremo dunque a vedere.

LEGGI ANCHE >>> Prostituzione, l’industria che non teme il Covid19