Ezio Greggio, appello a Conte: “Che errore chiudere cinema e teatri, ci ripensi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:22

Nel corso del programma televisivo targato Rai, Ezio Greggio esprime un appello al premier, chiedendogli di rivedere la sua scelta in merito alla chiusura di alcune attività ricreative

Ezio Greggio
Ezio Greggio (Fonte foto: Facebook)

Come sempre, la domenica pomeriggio c’è il consueto appuntamento da Mara Venier, nel salotto di Domenica In. Quest’oggi un ospite speciale, l’ex conduttore di Striscia che ha deciso di trattare una tematica alquanto delicata. L’Italia infatti sta attraversando una fase difficile per i motivi che tutti conosciamo. Nell’era del Covid non aumentano solo i contagi, ma anche diversi disagi economici e sanitari.

In merito a quanto sta accadendo lo showman indice un appello al presidente del Consiglio. Secondo lui sarebbe un grosso errore chiudere i cinema e i teatri. Già ci va poca gente ed impedire alle persone di andarci significherebbe togliere loro la libertà. Si tratta infatti di luoghi di cultura e data la poca affluenza sono quelli più sicuri. Il suo, è un appello per far sì che ci ripensino.

LEGGI ANCHE >>> Ezio Greggio la verità sul rapporto con Enzo Iacchetti: il primo incontro

Ezio Greggio, un appello che è lo specchio dell’Italia intera

Ezio Greggio
Foto da Instagram: @ezio_greggio

Naturalmente lo storico conduttore di Striscia La Notizia ha fatto leva su un aspetto che gli sta a cuore come il mondo della cultura e dello spettacolo. Il suo sfogo è quello di tanti italiani che non hanno ben accolto le nuove disposizioni varate dal nuovo Dpcm. Troppe chiusure e di conseguenza troppe persone in difficoltà. Un momento decisamente difficile per il Bel Paese già alle prese con una pandemia che sembra non voler più andar via.

A rendere il tutto ancor più pesante è il clima di tensione che si creato in diverse città italiane dove sono andate in scena delle vere e proprie prostese. Chissà se il premier Conte avrà ascoltato le parole del di Ezio Greggio, che non chiede altro che i luoghi di aggregazione culturale vengano preservati, naturalmente con tutte le precauzioni del caso. Vedremo cosa accadrà nei prossimi giorni, ma la linea del Governo è ormai chiara ed improntata ad una prevenzione a detta di molti opinabile.

LEGGI ANCHE >>> Ezio Greggio, la dedica che commuove: “qualche minuto in serenità”