Violentata e uccisa a 9 anni: era uscita di casa per andare a giocare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:44

Una vicenda atroce che arriva dall’Argentina, dove una bambina di 9 anni è stata prima violentata e poi assassinata da un uomo, appena uscito di galera per lo stesso crimine.

La bimba dice ai suoi genitori di uscire. Per andare a giocare a casa di un’amichetta. I genitori, felici, tranquilli, poi quello che non ti aspetti, il tragico e macabro epilogo che non andrà mai più via dai tuoi giorni. Succede in Argentina, una bimba, 9 anni appena, chiede di poter andare a giocare da una sua amica, e cosi esce di casa. Ma dopo un po’di tempo la bambina non farà più ritorno, e cosi i genitori, terrorizzati, chiamano la polizia.

Le forze dell’ordine cominciano le ricerche. Ispezionano la zona, chiedono, interrogano, poi la terribile scoperta. Il corpicino della piccola, senza vita, quasi nascosto nel terreno, a poche centinaia di metri da casa. Come è potuto accadere? Chi ha visto la piccola nelle ultime ore della sua breve vita. Queste le domande che si pongono gli inquirenti, e dopo un poco arrivano anche le risposte, precise, quasi dettagliate, che daranno una svolta alle indagini.

LEGGI ANCHE >>> Bimbo trovato morto nella siepe, genitori fermati e accusati di omicidio

Violentata e uccisa a 9 anni: era uscita di casa per andare a giocare, il killer da poco libero per violenza su minori

La svolta nelle indagini avviene nel momento in cui alcuni testimoni, raccontano di aver visto la piccola insieme ad un 24enne, ne forniscono una descrizione e cosi parte la ricerca dell’uomo, che poi si scoprirà essere una vecchia conoscenza delle forze dell’ordine. Il ragazzo infatti era uscito di galera soltanto tre giorni prima, per crimini legati alla violenza sui minori. E’ stato lui a prendere la bambina. L’ha portata via, l’ha violentata e poi l’ha ammazzata, provando prima a strangolarla e poi colpendola con violenza alla testa.

Non ci sono parole, non possono esserci parole. Un crimine assurdo, disumano, folle. L’ennesimo gesto di chi non ha perso ogni ragione, ha smesso ogni ricerca, ha soltanto immaginato di fare del male, inspiegabilmente, facendo terrore.

LEGGI ANCHE >>> Medico di famiglia si uccide ad Ariccia: era amato da tutti