Pontinia, in 82 ad un matrimonio: tutti a casa, con la multa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:00

Tutti multati ovviamente per l’irresponsabile comportamento, in tempi in cui ad una cerimonia del genere posso partecipare massimo trenta persone.

Matrimonio
Matrimonio (Facebook)

Siamo in un momento storico in cui potersi sposare è diventato una vera e propria impresa. Non si parla di quello che dovrebbe venir prima, e cioè un lavoro stabile, una casa, l’amore, no, si parla d’altro. Siamo in un momento storico un cui potersi sposare, secondo quei canoni ai quali eravamo abituati, è diventato davvero difficile, diciamolo pure, impossibile. Pochi invitati, al momento massimo 30, mascherine, altre protezioni varie, distanziamento e tutto il resto.

Immaginate una coppia, che attende con quel giorno da anni, vedersi costretta a festeggiare con nemmeno tutta la famiglia. Siamo in un momento storico in cui succede questo. E nello stesso momento storico, succede che a Pontinia, le forze dell’ordine debbano intervenire, dopo accurata segnalazione, per mettere fine ad una cerimonia di nozze con ben 82 invitati. Niente rispetto, niente traumi da matrimonio rinviato, niente regole.

LEGGI ANCHE >>> Party abusivo con centinaia di ragazzi: la polizia sgombera (VIDEO)

Pontinia, in 82 ad un matrimonio: le reazioni

Le forze dell’ordine, ovviamente irrompono tra canti e balli, tra assenza di mascherine e distanze non rispettate. Irrompono e mettono fine alle danze, si potrebbe dire. Tutti multati i presenti, erano in 82, gestore compreso. Tutti a casa con una bella ammenda, altro che bomboniera, per il locale, si attende ovviamente la decisione delle autorità, ma si prevede un periodo di chiusura punitiva, ancora da definire.

Critiche a valanga, quando la notizia inizia a circolare, critiche che comprendono anche quelle dell’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, che marchia la vicenda come inqualificabile ed irrispettosa di ogni regola vigente. L’assessore poi ringrazia vivamente le forze dell’ordine per il lavoro di controllo svolto per smascherare questa enorme attività, di fatto, oggi, fuorilegge.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, attesa per il nuovo dpcm : tutte le misure