Bonus locazione: Agenzia delle Entrate lo estende anche alla sublocazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:01

Laddove vengano rispettati i criteri previsti dal bonus locazione, è possibile l’applicazione anche sul canone di sublocazione. Come funziona?

Bonus locazione
Fonte Pixabay

L’Agenzia delle Entrate ha dato il suo benestare. Il bonus locazione previsto dal Decreto Rilancio può essere applicato anche per quanto concerne la sublocazione. Ciò può avvenire solo a patto che siano rispettati tutti i requisiti previsti, tra cui il calo del fatturato.

È questa la sostanza della precisazione che il Fisco ha fatto con la Risposta 365/E del 15 settembre 2020. Partendo dal principio è bene rimembrare cosa prevede il bonus locazione. Si tratta di un credito d’imposta calcolato sul costo mensile dei canoni di locazione dei mesi di marzo, aprile, maggio e giugno per immobili ad uso non abitativo destinati allo svolgimento di attività commerciale.

Il beneficio viene corrisposto al 60% del totale del canone di affitto. Al contempo però devono essere rispettate alcune condizioni tassative. Bisogna aver avuto dei ricavi relativi al 2019 non superiori ai 5 milioni di euro e una diminuzione del fatturato nel mese di riferimento almeno del 50% rispetto allo stesso mese del periodo di imposta antecedente. Inoltre è bene distinguere il bonus locazione dal bonus locazioni negozi e botteghe previsto dal primo decreto varato all’inizio della pandemia.

Bonus locazione, ecco perchè può essere esteso alla sublocazione

Bonus locazione
Fonte Pixabay

Chiarito come funzione il suddetto bonus non rimane altro che capire la sua applicabilità alla sublocazione. Come affermato dall’Agenzia delle Entrate ciò è possibile visto che il criterio da prendere in considerazione non è la tipologia di contratto (locazione o sublocazione fa lo stesso), bensì gli effetti derivanti dal covid-19.

Laddove il lockdown e le misure restrittive attuate nei mesi di marzo, aprile e maggio abbiano comportato una riduzione dei ricavi a fronte dell’incidenza di costi fissi (come ad esempio il canone di affitto), allora è possibile ricevere l’agevolazione.

Dunque, per effetto di ciò anche chi ha un contratto di sublocazione può fare richiesta per il bonus, visto che si tratta di un mezzo di sostentamento per aiutare i commercianti a risollevarsi da un periodo decisamente anomalo.

LEGGI ANCHE >>> Detrazioni: quali sono possibili sui contratti di locazione?

LEGGI ANCHE >>> Bonus affitto 2020: a quanto ammonta e requisiti generali