Bonus affitto imprese al 60%: le novità previste dal Decreto Rilancio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:13

Il bonus affitto imprese 2020 è stato confermato anche nel Decreto Rilancio. Ecco quali sono nel dettaglio le principali novità in merito

Bonus affitto imprese
Fonte Pixabay

Il Decreto Rilancio è stato ufficialmente pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 19 maggio. Dunque, i provvedimenti previsti diventano ufficiali a tutti gli effetti. Tra questi figura anche l’estensione del bonus affitto imprese, già previsto dal Decreto Cura Italia di Marzo.

Si tratta di incentivo molto importante, sopratutto per coloro che a causa della pandemia di coronavirus si sono ritrovati a dover chiudere la propria attività. Infatti, a prescindere dalla situazione, chi possiede un negozio nella maggior parte dei casi, ha dovuto far fronte al pagamento dei canoni di locazione mensili, che per forza di cose sono diventati difficili da sostenere in questi mesi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> BONUS FIGLI DA 80 A 160 EURO: COS’è E A CHI SPETTA? TUTTI I REQUISITI NECESSARI 

Bonus affitto imprese: cos’è e come funziona

Negozio musica
(Fonte Pixabay)

Secondo quanto previsto dal testo ufficiale, è destinato ai soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione. Non è valido per tutte le categorie, bisogna avere ricavi non superiori a 5 milioni di euro nel periodo di imposta precedente dall’entrata in vigore del decreto. Nello specifico il bonus consiste in un credito d’imposta del 60% dell’ammontare del costo dell’affitto mensile su immobili destinati ad uso non abitativo e destinato allo svolgimento di attività industriale, commerciale, artigianale, agricola o turistica.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> BONUS 600 EURO INPS, PIN SEMPLIFICATO: COS’è E COME RICHIEDERLO

Quindi, si tratta di un credito d’imposta utilizzabile esclusivamente in compensazione attraverso il modello F24. In parole povere, bisogna prima aver pagato l’affitto e poi si può inoltrare la richiesta per poter ottenere il rimborso del 60%. Ma chi può richiederlo? Questa specifica è fondamentale visto che in tanti si sono informati in tal senso.

Il bonus affitto 2020 è erogabile esclusivamente per gli immobili rientranti nella categoria catastale C/1 (negozi e botteghe). Ovviamente le attività essenziali (farmacie, tabaccai, supermercati e affini) non possono esigere il sussidio, in quanto hanno svolto regolarmente la propria attività e possono sopperire alle spese di locazione così come hanno sempre fatto. Insomma, il suddetto bonus è un modo per venire incontro a chi oltre al danno economico derivante dai mancati introiti, ha dovuto far fronte anche a questo genere di costi.

Bonus affitti imprese: requisiti indispensabili

Possono far richiesta dell’ammortizzatore sociale, le seguenti categorie di soggetti:

  • Esercenti attività d’impresa, arte o professioni con ricavi o compensi non superiori a 5 milioni di euro relativo al periodo d’imposta 2019;
  • alberghi e agriturismi a prescindere dai loro compensi;
  • enti non commerciali, del terzo settore e religiosi civilmente riconosciuti

A questi parametri va aggiunto anche che bisogna comprovare una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi nel mese di riferimento di almeno il 50% rispetto al medesimo mese del periodo di imposta precedente.