Dietrofront Renzi, ora vuole processare Salvini: cosa è cambiato?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:12

Adesso Renzi afferma che voterà in favore del processo per Matteo Salvini, ma pochi giorni fa decise di non partecipare al voto. Cosa è cambiato?

Dietrofront Renzi, ora vuole processare Salvini: cosa è cambiato?
Matteo Salvini e Matteo Renzi (Fonte foto: Getty Images)

Matteo Renzi fa dietrofront. L’ex Presidente del Consiglio fa discutere per il cambio di programma, a soli pochi giorni di distanza dalla mossa che fece tanto arrabbiare il Pd. Al momento di votare a favore o meno del processo a Matteo Salvini, lo stesso Renzi si astenne, lo scorso 26 maggio.

Adesso però, che siamo quasi giunti ad agosto del 2020, l’ex Ministro degli Interni dovrà restare preoccupato, perché appunto, Renzi ha affermato nelle aule del Senato, che stavolta vorrà fare diversamente.

Matteo Renzi, il dietrofront sul processo-Salvini

Matteo Renzi (Fonte foto: Getty Images)

“Voteremo a favore dell’autorizzazione a procedere nei confronti Salvini”. Questa, la frase che ha lasciato tanto sgomento, pronunciata dal senatore, Matteo Renzi, all’interno delle aule del Senato stesso. Un cambio di marcia che certamente farà parlare molto, soprattutto perché avvenuto a pochissimi mesi di distanza dall’ultima scelta, praticamente contraria, dello stesso Renzi.

Matteo Salvini, potrebbe essere processato nei prossimi mesi per la vicenda Open Arms. Il numero uno di Italia dei Valori, che come già sottolineato, con la sua decisione fece storcere il muso al Pd, ha così spiegato questo passaggio, secondo il suo pensiero: “C’è un elefante nella stanza che è il rapporto tra magistratura e politica.

Ma noi dobbiamo rispondere alla domanda non se Salvini ha commesso reati o no, o se fosse accompagnato da altri membri del governo. A questo risponde la magistratura. Ma se ci fu interesse pubblico. E per me l’interesse pubblico non c’è nel tenere un barcone lontano dalle coste. Non è accettabile che ci siano delle chat in cui si dice che un mio avversario debba essere attaccato. È uno scandalo”.

La conclusione dell’ex sindaco di Firenze, è stata:Noi non abbiamo cambiato idea, abbiamo sempre pensato che la politica migratoria del Paese dal 2018 al 2019, con il governo gialloverde, fosse un errore. Lo dico al M5s”.

LEGGI ANCHE>>> Matteo Salvini: “Pd e Iv si divertono ad Ischia mentre i migranti triplicano”

LEGGI ANCHE>>> Di Battista: “Renzi insulto ai poveri, i Benetton se ne vadano”