Bonus mobili 2020: 50% di sconto su trasporti e montaggi

Tra le tante iniziative del Governo, ecco nel 2020 arrivare il bonus mobili. Trasporto e montaggio degli arredi saranno scontabili al 50%

Bonus mobili 2020: 50% di sconto su trasporti e montaggi
Fonte foto: (Pixabay)

Sapevate dell’esistenza di una speciale assistenza chiamata Bonus mobili? Ebbene, anche quest’ultima nel 2020 potrà essere sfruttata dai contribuenti, con la possibilità di detrarre dalla dichiarazione dei redditi, spese di costruzione e trasporto dei mobili e di grandi elettrodomestici.

Le spese quindi, anche quelle per far trasportare e montare i prodotti acquistati, sono detraibili fino al 50%, purché le suddette spese, siano pagate con: bonifico, carta di debito, carta di credito. Non sono invece previsti, pagamenti in contanti, assegni bancari o altri mezzi di pagamento.

Bonus mobili, quali sono le spese detraibili e come funziona la detrazione

Fonte foto: (Pixabay)

Secondo il Bonus mobili 2020, le spese detraibili al 50% fino ad un massimale di 10.000 euro, sono:

  • Spese di trasporto;
  • Spese di montaggio, di mobili, arredi e grandi elettrodomestici.

La detraibilità di spese e montaggio dei beni acquistati, ricapitolando, è possibile solo se l’acquisto è avvenuto tramite una delle seguenti modalità:

  • Bonifico parlante;
  • Bonifico semplice;
  • Carta di debito;
  • Carta di credito;
  • Finanziamento a rate.

Come funziona la detrazione: il contribuente, se ha intenzione di detrarre le spese di trasporto e montaggio di mobili, arredi, ed elettrodomestici acquistati beneficiando del Bonus mobili, dovrà:

Pagare con bonifico, carta di credito o debito; conservare tutta la documentazione dell’avvenuto pagamento. Per quanto riguarda la data del pagamento, fanno fede: quella di emissione in caso di bonifico e quella di utilizzo, presso il fornitore, per le carte.

Visto che il massimo di spese detraibili al 50% è di 10.000 euro, è previsto quindi uno sconto IRPEF di 5.000 euro al massimo, da spalmare in 10 anni in 10 quote annuali dello stesso importo.

Ricordare che per usufruire del bonus, bisogna aver avviato nel corso del 2019, un intervento di ristrutturazione sull’immobile, senza però obbligo di contiguità con l’elettrodomestico o mobile che andremo ad acquistare.

La soglia fissata a 10.000 euro, è da riferirsi ad immobile, quindi ogni contribuente che ha due case ristrutturate nel 2018, può beneficiare di detto bonus per entrambe, mantenendo il tetto di 10.000 euro ciascuna.

Inoltre, secondo l’Agenzia delle Entrate, è possibile godere della detrazione anche se le spese per l’acquisto dei mobili sono state sostenute prima di quelle della ristrutturazione, purché i lavori di ristrutturazione siano stati già avviati. Le spese dei mobili quindi, devono essere pagate dopo l’avvio dei lavori.

LEGGI ANCHE>>> Incentivi auto: bonus fino a 3500 euro per modelli mild hybrid

LEGGI ANCHE>>> Bonus didattica: fino 500 euro per l’acquisto di pc e tablet