Torna dall’estero e si sente male: focolaio coronavirus in Veneto

Il presidente della regione, Zaia, segue passo dopo passo l’evoluzione del nuovo focolaio scoppiato in un’azienda in provincia di Vicenza.

Il dipendente di un’azienda vicentina ha fatto scoppiare, suo malgrado, un nuovo focolaio di coronavirus in Veneto. Il presdiente della regione Zaia è preoccupato.

Il nuovo focolaio è stato scoperto a Pojana Maggiore, in provincia di Vicenza, dove quattro persone sono risultate positive al covid e altre trenta sono state poste in quarantena.

Le infezioni sono partite dall’azienda Laserjet SRL, carpenteria meccanica che ora si trova sotto osservazione da parte della USL 8 Berica.

Secondo quanto riporta il Corriere del Veneto, il contagio è partito da un manager oggi ricoverato al San Bortolo di Vicenza per problemi respiratori.

“L’amministrazione si muove in collaborazione e secondo le indicazioni dell’azienda sanitaria, lo stato di attenzione in materia di Coronavirus è sempre presente”, ha dichiarato la sindaca di Pojana Paola Fortuna.

“Al momento non abbiamo segnalazioni circa persone residenti nel nostro Comune colpite dal virus: i contagiati evidentemente risiedono altrove”. Una magra consolazione.

Focolaio coronavirus in Veneto, Zaia: “seguo nei minimi dettagli”

Veneto, Zaia: "In troppi senza mascherina, pronti a richiudere tutto"
Luca Zaia (Fonte foto: Getty Images)

Dall’Usl 8 Berica nel frattempo hanno confermato che ora attendono l’esito dei tamponi su tutti i contatti stretti di chi è già stato trovato positivo.

Alla Laserjet lavorano 170 persone e il primo ad accusare i sintomi della malattia è stato Lino Fraron, che si sentito male dopo un viaggio all’estero: in azienda è rimasto a contatto con colleghi e collaboratori.

Il tampone ha confermato la positività del manager e da quel momento è scattata l’indagine epidemiologica che ha confermato altri tre casi, tutti asintomatici. Altre trenta persone sono state poste in quarantena.

Il presidente della Regione Luca Zaia è ovviamente al corrente del focolaio vicentino: “Sto seguendo nei minimi dettagli la questione. Si sta provvedendo a fare la contabilità dei positivi, per fortuna pochi, e ad un massiccio piano di isolamento fiduciario di tutte le persone venute a contatto con i positivi”.

Zaia ha aggiunto che domani, nel corso della conferenza stampa già prevista alle 12.30 nella sede della Protezione Civile a Marghera, renderà noti “tutti gli sviluppi della situazione e l’esatta contabilità degli isolamenti”.

LEGGI ANCHE -> Bimba 6 anni sparisce al confine sloveno: gli elicotteri la cercano

LEGGI ANCHE -> Coronavirus, troppi contagi a Mondragone: De Luca li nasconde