Elodie confessa il suo passato da cubista: ‘mi trattavano come una donna facile’

La meravigliosa cantante Elodie si è raccontata a cuore aperto a Francesca Fialdini, nel suo programma A ruota libera. Le confessioni del suo passato difficile alla sua grande forza di oggi

Elodie
Foto da Instagram: @elodie

Nuova ed interessante puntata del programma A Ruota Libera di Francesca Fialdini. Il pomeriggio di Rai Uno si è fatto molto interessante quando ad essere intervistata è stata una delle cantanti del momento: Elodie.

La trentenne si è raccontata a cuore aperto, rivivendo alcuni momenti della sua infanzia difficile e del suo passato problematico. Un viaggio introspettivo che ha messo in luce il suo carattere forte ed empatico. Dettagli del tutto inediti sono stati messi in evidenza.

Elodie è cresciuta nel quartiere Quartaccio di Roma, tra le mille difficoltà di una famiglia peculiare e i pregiudizi dei ragazzini. Tutte queste avversità l’hanno resa più forte e la cantante ricorda così i suoi primi anni di vita: “Lo sanno tutti, ho avuto un’infanzia complessa: sono cresciuta in un quartiere popolare di Roma. Ho scoperto presto com’è l’essere umano, quindi fallibile, contorto. Per una bambina non è facile comprenderlo. Ma ora posso dirlo: a 30 anni vivo e gioco con lo stesso entusiasmo di una bambina. Mi sto riprendendo la mia infanzia.

Elodie a Ruota Libera da Francesca Fialdini: “Ho fatto anche la cubista per mantenermi”

Elodie
Foto da Instagram: @elodie

Dall’intervista di Elodie quello che maggiormente è emerso è la sua grande empatia verso gli altri e un’avversione radicale verso i pregiudizi che le persone nutrono nei confronti di altri, senza realmente conoscere determinate situazioni.

Ero una bambina riflessiva, poco incentrata su me stessa. Sono molto protettiva, lo sono stata sin da piccola: do poco peso ai miei sentimenti e molto a quelli degli altri. Se vedo qualcuno che fa una prepotenza mi metto in mezzo, subito. Mi sono sempre scontrata con i pregiudizi, per questo ogni volta che c’è qualcosa del genere scatto. La gente è troppo clemente con sé stessa, ma non con gli altri. E questa cosa non la sopporto”.

Nel suo passato anche una esperienza da cubista. Questo lavoro l’è servito per mantenersi, affiancandolo a quello di cameriera. Un’esperienza utilissima per il suo percorso di vita, grazie ad essa ha imparato a non prestare caso ai giudizi delle altre persone.

“All’inizio non è stato facile: è stata dura, ho lottato con me stessa e con gli altri. Vedevo la gente che mi guardava come se fossi una facile. Non vedevo alcuna approvazione nel loro sguardo, ma mi è servito tantissimo a non farmi toccare da ciò che pensava la gente. Mi divertivo, lavoravo, non facevo nulla di male”.

La somma di queste esperienze positive e negative l’hanno resa quella che è oggi: una delle cantanti più interessanti del panorama della musica italiana.

LEGGI ANCHE >>> Elodie, Belen: lingue ravvicinate e scoppia la polemica

LEGGI ANCHE >>> Elodie, insulti pesanti dei follower: “Sei inutile”