Bimbo di 5 mesi, 32 giorni di coma per coronavirus: la forza della vita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:37

Un bambino di cinque mesi, contagiato dal coronavirus pochi giorni dopo la sua  nascita, è finalmente tornato a casa dopo 32 giorni di coma.

La forza della vita non è solo una canzone. Quando ci si aggrappa con tutte le proprie forze, la vita quasi sempre ti regala sorprese inaspettate. Come è successo a Dom, bambino di cinque mesi, brasiliano.

Il piccolo è tornato a casa dopo aver trascorso 32 giorni in coma per il coronavirus. Inspiegabile a parole la gioia dei genitori, Wagner Andrade e sua moglie Viviane Monteiro che hanno definito la guarigione del figlio un “miracolo”.

La vicenda è stata raccontata dalla Cnn e ripresa dai media internazionali, come il DailyMail. Pochi mesi dopo la sua nascita, Dom Andrade è risultato positivo al Covid-19.

Il bambino compirà sei mesi il 14 giugno, non è dato a sapere dove possa avere contratto il virus, ma i genitori pensano che potrebbe essere stato dopo una visita a casa di un parente.

Il dottor Cristiane Guimarães, coordinatore della terapia intensiva pediatrica presso l’ospedale Pro-Cardiaco di Rio de Janeiro ha elogiato il bambino che «si è comportato come un adulto» e ha aggiunto che Dom non subirà alcuna conseguenza a seguito del suo trattamento.

La paura che si trasforma il gioia: i genitori di Dom

«Ha avuto qualche difficoltà a respirare, quindi i medici hanno pensato che fosse un’infezione batterica», racconta il padre Wagner. «Ma il farmaco non ha funzionato e ha peggiorato. Quindi io e mia moglie abbiamo deciso di portarlo in un secondo ospedale e lo hanno testato. Era il coronavirus».

Ma oggi Dom è tornato a casa, l’incubo è finito.

Brasile in ginocchio

Il Brasile fa i conti con la pandemia: sono 1.262 le vittime registrate nelle ultime 24 ore, che portano il bilancio totale a 31.199 morti. Lo rivela il ministero della Salute.

I nuovi contagi sono 28.936, per un totale di 555.383. «Mi dispiace per le vittime di Covid ma moriremo tutti», ha detto il presidente brasiliano Jair Bolsonaro conversando con alcuni suoi sostenitori davanti al palazzo presidenziale di Brasilia.

LEGGI ANCHE -> George Floyd, la procura: omicidio volontario

LEGGI ANCHE -> Roma: Casapound se ne deve andare esulta la Raggi