Trasporti, metro e bus: quali regole bisognerà seguire dal 4 maggio?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:39

Ecco quali regole bisogna rispettare per quanto concerne i trasporti a partire dal 4 maggio, giorno designato per l’inizio della fase 2 della battaglia contro il Covid-19

Trasporti
Fonte Pixabay

Uno degli obiettivi principali per i prossimi mesi è garantire la massima sicurezza nell’utilizzo dei mezzi di trasporto. A partire dal 4 maggio infatti, torneranno a lavoro diverse categorie di lavoratori, che soprattutto nella grandi città usufruiranno dei mezzi di trasporto pubblici per potersi spostare.

Per questo, il premier Giuseppe Conte ha indicato la via da seguire anche in queste circostanze, che potenzialmente rappresentano un grosso fattore di rischio per i cittadini. Dovranno essere adottate una serie di regole sia dalle compagnie di trasporti, sia dalle persone (a cui spetta l’obbligo di indossare le mascherine). Una sorta di cooperazione volta a favorire il lento ritorno alla normalità.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> BONUS VACANZE 500 EURO CORONAVIRUS NEL DECRETO DI APRILE 2020 

Trasporti, le regole da rispettare su metro e bus

metro
Fonte Pixabay

Dal canto loro le aziende dovranno provvedere più volte al giorno alla sanificazione, all’igienizzazione e alla disinfezione dei treni e dei mezzi pubblici. Dovranno provvedere inoltre (se non l’hanno già fatto), alla separazione del posto di guida e a degli accorgimenti che consentano di mantenere le giuste distanze sociali (di almeno 1 metro). Per la salita e la discesa dei passeggeri dai bus dovranno essere utilizzate la porta centrale e la porta posteriore ed evitare code e assembramenti tra chi scende e chi sale. Sospesi temporaneamente la vendita e il controllo dei biglietti a bordo, così come l’accesso agli uffici informazioni e alle biglietterie delle stazioni. L’informazione sia sulle corse attive sia sulle misure di sicurezza, passerà solo ed esclusivamente attraverso il web e i call center dedicati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> FASE 2: COME CAMBIERANNO GLI SPOSTAMENTI SU METRO, BUS, AEREI E TRENI 

Può sembrare scontato ma è bene rimarcarlo, su autobus e tram bisognerà stabilire un numero massimo di passeggeri per evitare sovraffollamenti deleteri. Dunque, se qualche volta verrà negato l’accesso, o il bus non dovesse fermarsi, è bene non prendersela e aspettare la prossima corsa. Per effetto di ciò nelle ore di punta, è necessario aumentare i servizi per consentire a tutti i passeggeri di poterne usufruire.

Capitolo metro. Le stazioni dovranno prevedere differenti flussi di entrata e di uscita e dovranno essere garantite le corrette informazioni per l’individualizzazione delle banchine e delle uscite. Anche sulle scale mobili si dovranno mantenere le giuste distanze e dovranno inoltre essere predisposti idonei sistemi per la segnalazione del raggiungimento di saturazione e l’utilizzo di sistemi di videosorveglianza per monitorare la formazione di eventuali assembramenti. Nel caso vengano riscontrati, è necessario diffondere immediatamente un messaggio tramite altoparlante che invitino a tenere le giuste distanze. A bordo invece, sui sediolini non utilizzabili deve essere applicato l’apposito marker (discorso identico per gli altri mezzi).